Ancora oggi a distanza di 33 anni la grande nevicata del 1985 è un evento che tutti – almeno chi già c’era – si ricordano chiaramente. E chi non ha avuto la “fortuna” di esserci un po’ invidia questo ricordo custodito gelosamente da amici e parenti.

13 gennaio 1985 nevicata del Secolo

A pieno diritto la grande nevicata del 1985 è entrata nella storia. A Sondrio, ma così in tutta l’Italia Settentrionale, ha lasciato un segno ben visibile: cumuli di neve ammassati in angoli della città che ci potevano vedere ancora dopo mesi, perfino a maggio. Di per sé fu una precipitazione nevosa da record che durò dal 13 al 17 gennaio creando non pochi disagi. Ma Sondrio e la Valtellina risposero egregiamente. A breve si sarebbero svolti i Mondiali di Sci, quindi per prepararsi al grande evento la macchina si mise in moto. Cessata la lunga nevicata sul mezzogiorno del mercoledì 30, scattò una poderosa organizzazione. Le ruspe operavano in coppia caricando poi la neve sui camion che con migliaia di viaggi trasportavano in periferia la neve raccolta formando vere e proprie montagne.

Inverno freddissimo

Quello del 1984-85 fu un inverno particolarmente freddo. Le temperature arrivarono in alcuni parti d’Italia (ad esempio in Emilia Romagna) anche a – 20 gradi. Poi il 13 gennaio iniziò a nevicare. In quattro giorni e tre notti di nevicata incessante erano caduti ben 90 centimetri di neve. Il fenomeno più intenso registrato a Milano nel XX Secolo. Tra il 13 ed il 17 gennaio 1985, una depressione centrata sul mar di Corsica provocò quella che è ricordata come la nevicata del secolo a Milano durata oltre 72 ore,(tra i 70 ed i 90 cm). Livelli record: 20 centimetri a Genova, 30 a Venezia, 40 a Padova e Treviso, 50 a Udine e Vicenza, 60 a Biella, 80 a Bologna, 110 a Como, 122 a Varese, da 130 a 150 cm a Trento. A Milano, dopo 4 giorni e 3 notti di nevicata, il manto nevoso arrivava fino a 90 cm. Sondrio e Valtellina quantità da record. In città si raggiunsero i 120 cm.

Leggi anche:  Alunni violenti e i professori finiscono in ospedale

E voi ve la ricordate? avete foto riguardanti quel periodo e un aneddoto da ricordare? fatecelo sapere

Ecco l’unica testimonianza video che abbiamo trovato, riguarda la provincia di Bergamo