Due nostri ospedali hanno ottenuto il Bollino Rosa. Anzi, a quello di Sondrio ne sono stati assegnati addirittura due.

Bollino rosa anche per il Morelli di Sondalo

Asst ValtLario ha ricevuto dell’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna tre Bollini Rosa per il biennio 2018-2019. Due i bollini assegnati al presidio ospedaliero di Sondrio e uno al Morelli di Sondalo. Entrambi sono stati assegnati per essersi distinti nell’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Come avviene la valutazione

La valutazione delle strutture ospedaliere avviene tramite un questionario di candidatura composto da oltre 300 domande suddivise in 16 aree specialistiche. Candidatura cui hanno partecipato i presidi ospedalieri di Sondrio e Sondalo col concorso di undici specialità dell’ospedale di Sondrio e cinque dell’ospedale di Sondalo. In particolare, per Sondrio, hanno concorso alla candidatura  i referenti delle specialità di Cardiologia, Diabetologia, Endocrinologia,
Geriatria, Ostetricia e Ginecologia, Pediatria, Psichiatria, Reumatologia, Oncologia, Neurologia e
Neonatologia. Per il Morelli lo hanno fatto i referenti delle specialità di Cardiologia, Diabetologia,
Endocrinologia, Oncologia e Neurologia.

Leggi anche:  Agricoltura 4.0 Nuove tecnologie in un focus

I criteri di valutazione

Tre i criteri di valutazione con cui sono stati giudicati gli ospedali candidati: la presenza di aree
specialistiche di maggior rilievo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile, l’appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapetici e l’offerta di servizi rivolti all’accoglienza e presa in carico della paziente, come la telemedicina, la mediazione culturale, l’assistenza sociale.

Le novità di Asst ValtLario

Diverse le novità per noi di questa edizione del bando. Sono state introdotte due nuove specialità, la geriatria e la pediatria. E’ stata inoltre valutata anche la presenza di percorsi “ospedale-territorio” soprattutto nelle aree specialistiche che riguardano patologie croniche come cardiologia e diabetologia. Infine, nell’ambito dell’accoglienza in ospedale, è stato dato rilievo anche alla presenza del servizio di Pet-Therapy rivolto ai pazienti ricoverati.