Riqualificazione in vista per via Maffei e per i vialetti interni del quartiere della Piastra a Sondrio.

Ecco come cambia via Maffei

Oggi, mercoledì 14 febbraio, il sindaco, Alcide Molteni, e il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici, Michele Iannotti, hanno presentato uno dei tanti interventi di riqualifica del quartiere sud-ovest. Si tratta anzitutto della sistemazione di via Maffei. Previsto un investimento di 500 mila euro. “In programma vi è la realizzazione di una pista ciclo-pedonale protetta – illustra Iannotti – Saranno posizionate aiuole spartitraffico e piante”. Ciò per garantire la sicurezza dei cosiddetti utenti deboli della strada sia per abbellire il quartiere. Prevista anche la posa di illuminazione a led. L’inizio dei lavori è fissato ad aprile, mentre la data della conclusione è in programma per fine estate.

Si riqualificano i vialetti interni

Per la sistemazione e l’abbellimento dei vialetti interni delle aree verdi del quartiere sud-ovest sono destinati 381 mila euro. Anche in questo caso l’opera dovrebbe cominciare a fine aprile per terminare alla fine dell’estate. “Il rifacimento di tracciati già esistenti e la creazione di nuovi si colloca in un progetto più ampio  – spiega l’assessore – Sì, perché oltre alla riqualifica dei camminamenti saranno contestualmente abbellite le aree verdi. Nello specifico il vecchio campo da bocce ormai abbandonato sarà rimosso per far posto ad un’area verde attrezzata con panchine, rastrelliere per biciclette e nuovi arredi urbani. Inoltre si creerà un percorso che porta all’altezza del distributore Fanchetti in via Maffei. L’illuminazione sarà a led e ciò comporterà un risparmio per la casse comunali”.

Leggi anche:  Troppo alcol, 19enne finisce in ospedale SIRENE DI NOTTE

Grande attenzione alla mobilità “dolce”

Il sindaco Molteni spiega che il progetto illustrato oggi in conferenza stampa rientra nel Bando per la riqualificazione delle periferie emesso dallo Stato. “L’obiettivo di questo specifico intervento è volto a migliorare la sicurezza della mobilità ciclo-pedonale  – commenta – e al tempo stesso a riqualificare i percorsi”.