Manifestazione Cgil sabato 2 dicembre per chiedere un cambio di rotta al governo sulle pensioni.

Manifestazione Cgil: Valtellina presente

Dalla Valtellina partiranno dei pullman diretti a Torino, città scelta per la mobilitazione nel nord. Chi volesse partecipare può aderire telefonando al numero 0342-541311. Il pullman partirà da Bormio alle 4.30. Sono previste fermate a Tirano, Sondrio, Morbegno e Piantedo.

Il commento del segretario generale

Il segretario generale di Sondrio Guglielmo Zamboni spiega i motivi della protesta: “La proposta del Governo ha dato poche soluzioni. Insufficienti per la grande platea dei lavoratori e non solo per quelli prossimi al pensionamento. Si è persa un’occasione per dare un segnale di giustizia e fiducia al Paese. E in particolare ai giovani. Ma anche per riunire il mondo del lavoro e le generazioni che lo attraversano, contrariamente a quello che fece la riforma Fornero”.

Disattese le promesse

Zamboni sottolinea anche un altro punto: “Molte delle richieste presenti nella piattaforma unitaria erano presenti anche nell’accordo sottoscritto col Governo un anno fa nel capitolo detto “fase due”. Con enfasi viene propagandato il buon andamento dell’economia e con essa la ripresa del Pil: allora viene spontanea la domanda: perché non dare seguito appieno alla fase due e affrontare nella sua interezza le richieste di Cgil,Cisl e Uil?”.

Leggi anche:  Maltempo, rischio valanghe in Valtellina

Le richieste del sindacato

Tre sono in particolare i punti sui quali non sono arrivate le risposte attese: occuparsi del futuro dei giovani; guardare il lavoro e chi lo svolge, perché le criticità non stanno solo in 15 categorie; dare all’Italia il messaggio che il governo con coraggio assume il tema del lavoro e delle pensioni, dando una prospettiva di futuro dignitoso a partire dai giovani.