Organizzare l’arrivo, la permanenza e la mobilità di oltre diecimila persone in tre giorni: un impegno non indifferente per il Comune di Chiavenna che, coadiuvato dal Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna per l’accoglienza, ha definito un piano straordinario allo scopo di contenere i disagi dei residenti e di facilitare gli spostamenti dei coristi e del pubblico. Rezia Cantat, la carovana corale delle Alpi retiche, che da venerdì 8 a domenica 10 giugno, occuperà pacificamente Chiavenna, Piuro e gli immediati dintorni, richiederà uno sforzo straordinario, oltre che la collaborazione del pubblico.

L’organizzazione dei parcheggi

“Non c’è dubbio che a partire dal primo pomeriggio di venerdì e soprattutto sabato e domenica sarà difficile raggiungere il centro di Chiavenna in auto – sottolinea l’assessore al Turismo e alle Attività produttive Andrea Giacomini -, il consiglio è quindi di lasciare l’auto nei parcheggi esterni alla città e di utilizzare le navette gratuite per raggiungere il centro in partenza ogni venti minuti. Non escludiamo inoltre di impedire l’ingresso a Chiavenna alle auto in caso di congestione del traffico nella giornata di sabato”. Il Comune, attraverso un’ordinanza, ha istituito il divieto di sosta in piazzale Leonardo Da Vinci e in piazzale Pratogiano, dove verrà allestita una tensostruttura per l’accoglienza, nei tre giorni, sabato e domenica non si potrà parcheggiare in viale Matteotti nel tratto compreso fra l’ingresso del nuovo parcheggio coperto e piazza Bertacchi, mentre nella sola giornata di sabato non si potrà lasciare l’auto nel parcheggio di viale Risorgimento e in piazza Caduti della Libertà per lo svolgimento del mercato cittadino.

Il traffico

La Polizia Locale regolerà il traffico mentre i volontari dei gruppi Alpini e della Protezione civile provenienti da tutta la provincia di Sondrio saranno presenti nei parcheggi e in corrispondenza dei vari accessi alla città. Ci sono altre soluzioni non meno comode per evitare ad esempio le code che inevitabilmente si formeranno: lasciare l’auto a Colico, a Dubino, a Verceia o a Novate Mezzola e servirsi dei pullman di linea della Stps oppure quelli da e per Sankt Moritz che transitano per Villa di Chiavenna. I bus navetta svizzeri partiranno dalla stazione dei bus, quelli italiani da Pratogiano. Una volta in città sarà semplice spostarsi a piedi tra le varie sedi dei concerti, mentre sabato 9 e domenica 10 giugno, alle ore 10.15, da Pratogiano partirà un pullman per raggiungere palazzo Vertemate Franchi, a Piuro, con ritorno previsto alle 14.

Leggi anche:  Villa, i passaggi a livello se ne vanno

Le informazioni

Tutte le informazioni relative a partenze, percorsi e orari dei bus sono pubblicate sul sito internet www.reziacantat.ch, mentre a Chiavenna, durante l’evento, saranno attivi quattro punti informativi, organizzati dal Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna in collaborazione con Consorzio turistico di Madesimo e Bregaglia Engadin Turismo, in piazza Bertacchi, nel piazzale della stazione e in piazza Pestalozzi, oltre che presso l’ufficio alla stazione.