Dal primo gennaio 2018 entrerà pienamente in vigore la riforma sul sistema di raccolta dei rifiuti nel comune di Chiavenna. In particolare con il conferimento unicamente con i sacchi di nuova generazione ovvero con codice a barre. “L’obiettivo è quello di aumentare sempre di più la parte di raccolta differenziata e, riducendo i costi, ridurre la tassa a carico dei cittadini”. Fanno sapere dal Comune.

Rifiuti a Chiavenna

“Già in questi primi mesi il valore della raccolta differenziata é salito e così, qualche giorno fa quando abbiamo approvato il piano rifiuti per il prossimo anno, abbiamo potuto ridurre (seppur ancora in modo limitato) il costo a carico delle famiglie di Chiavenna” aggiunge Luca Della Bitta sindaco di Chiavenna. “È un lavoro complesso che dovrà portare a pagare i rifiuti per quanto ciascuno produce davvero. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato a questo percorso ed in particolare anche la minoranza in consiglio comunale che ha sempre offerta la sua collaborazione. Applicare al meglio con attenzione le nuove regole significherà che i cittadini pagheranno di meno”.

Leggi anche:  Razia Cantat inizia alla grande

Passaggio importante

“È un passaggio importante frutto di un intenso lavoro degli amministratori e dei nostri uffici. Ora è importante applicarlo al meglio per ottenere i risultati sperati”. Conclude Davide Trussoni vicesindaco di Chiavenna. “Abbiamo già introdotto alcune modifiche aumentando il numero di sacchi neri per alcune tipologie di utenza come i commercianti, le famiglie con bambini o anziani, le famiglie di un solo componente. Ora si passa alla fase operativa. Il rispetto delle regole da parte di ciascuno sarà fondamentale per fare pagare di meno la tassa rifiuti e riciclare di più. Per qualsiasi dubbio, domanda e per le forniture di sacchi gli uffici comunali sono a disposizione negli orari di apertura al pubblico”.