Nove vini valtellinesi hanno ottenuto l’eccellenza della Rosa d’oro. Sono stati premiati lunedì in occasione della presentazione della guida Viniplus 2018.

I vini Valtellina Superiore sempre al top

Dei 124 i vini premiati con le quattro Rose Camune, 50 si sono aggiudicati i riconoscimenti speciali attribuiti con le «Rose Oro». In Valtellina il premio è andato a nove vini: Sassella Rocce Rosse Riserva 2007 di Arpepe, Sant’Andrea Riserva 2011 di Bettini, Sforzato Ronco del Picchio 2013 di Fay, Sforzato Albareda 2015 di Mamete Prevostini, Sforzato 2011 di Nera, Sfursat Carlo Negri 2015 di Nino Negri, Sforzato Montescale 2011 di Nobili, Sfursat Fruttaio Ca’ Rizzeri 2013 di Rainoldi, Sassella Riserva 2012 di Triacca.

Valutati ben 900 campioni

Ogni cantina ha potuto sottoporre al giudizio dei degustatori lombardi un numero massimo di 4 campioni: in totale sono stati circa 900 i campioni valutati attraverso le degustazioni alla cieca e secondo la metodologia Ais. E tra questi, come detto, sono brillati i nove vini dei produttori valtellinesi.

Leggi anche:  Referendum, a bocce ferme l'analisi del Pd

Maroni alla presentazione

Alla presentazione ufficiale della guida era presente anche il presidente lombardo Roberto Maroni. “E’ una guida completa, utile e importante. Promuove un’eccellenza, una delle numerose
della Lombardia, ma che riteniamo debba essere conosciuta di più. Abbiamo vini di qualità eccelsa e possiamo competere con i migliori vini del mondo. E’ vero che la Lombardia è la regione delle imprese, della fabbrica, del manifatturiero. Ma tra i tanti primati che ha è anche la prima regione agricola d’Italia e il nostro compito è di farla conoscere anche sotto questo aspetto”.