Sangue per Wave. E’ l’appello che  negli ultimi due giorni ha trascinato tantissime persone in un’accorata gara di solidarietà. Si tratta di trovare donatori di sangue per salvare Wave, una dolcissima border collie di sette anni, colpita una settimana fa da una distruttiva anemia. Con il suo padrone, Dario Barutta, Wave abita ad Abbadia Lariana.

Sangue per Wave

“Wave ha una forte anemia di cui non si è ancora trovata la causa. Sta lottando con le unghie e con i denti e per aiutarla ha bisogno di trasfusioni di sangue DEA 1.1 NEGATIVO. Quindi chiunque sappia di avere un cane di almeno 25 kg che corrisponde al gruppo sanguigno può contattarmi qui e riceverà tutte le informazioni per poter aiutare Wave”.  Per diffondere questo appello è stata creata un’apposita pagina Facebook – @SanguePerWave – che ha anche il compito di fornire aggiornamenti sullo stato di salute del cane e far sentire al suo padrone che non è solo in questa terribile battaglia. In tanti hanno espresso la loro solidarietà diffondendo il tam tam.

Ricoverata a Malpensa

Wave si trova ora ricoverata in una clinica veterinaria di Malpensa. Vi è stata trasferita d’urgenza quando le sue condizioni sono peggiorate ed è stato chiaro che per salvarla, giocando il tutto per tutto, serviva una equipe specializzata in problemi ematici.  “E’ cominciato tutto mercoledì scorso, con una sintomatologia che poteva portare a pensare ad una forma di gastroenterite”  racconta Fabiola Vezzà, amica del padrone di Wave.  “Dario l’ha portata per una visita dal veterinario di fiducia. Ma poi si è proceduto per un ricovero, dapprima all’ospedale veterinario San Francesco di Milano, quindi a Malpensa”.

A Milano i medici veterinari hanno diagnosticato una patologia lampo. “Una anemia tromboemolitica immunomediata, praticamente i globuli bianchi impazziscono ed attaccano e distruggono i globuli rossi – spiega Fabiola – Il cane fino a poche ore prima non presentava sintomi e svolgeva le attività di routine, passeggiate, allenamenti, mangiava e giocava con gli altri cani di casa”. Wave è infatti un cane molto sportivo. Pratica da una vita agility dog, disciplina nel cui mondo Dario è molto conosciuto.

Si cercano donatori compatibili

All’appello per salvare Wave hanno risposto in molti. “Vi prego di contattarci una volta saputo se il cane è compatibile, non siamo in grado di coordinare tutti i test per capire se tutti i cani che si propongono lo sono. Funziona come per noi, si fa un prelievo e si testa il sangue, ma non tutti i vet sono attrezzati per farlo. Quindi prima di andare da qualche parte chiedete con una una telefonata” la raccomandazione.

Leggi anche:  Arteria scoppia per un colpo di tosse, donna salvata a Sondalo

Le condizioni di Wave permangono purtroppo gravi. “La febbre è alta da una settimana ormai. Stanno tentando di farla scendere con impacchi e ghiaccio prima di dover ricorrere al paracetamolo che andrebbe ad intossicare ulteriormente il fegato – ha fatto sapere Fabiola questo pomeriggio – Le hanno anche installato un accesso nel naso per poterla aiutare con l’ossigenazione. E la stanno alimentando ora con una flebo. Questa sera Dario proverà a farla mangiare volontariamente. Nonostante questo la rossa abbaia e protesta quando il suo Dario si allontana da lei!  Wave continua ad essere fortemente anemica perché i globuli bianchi attaccano i rossi direttamente dal midollo osseo, quindi quelli nuovi non fanno nemmeno in tempo ad entrare in circolo. Motivo per il quale questo pomeriggio le verrà fatta la terza trasfusione in totale”.

Allerta per i donatori Dea 1.1 Negativo

A questo punto la clinica ha ancora tre sacche disponibili. “E ci chiede di tenere allertati i cani DEA 1.1 negativo che sono già donatori. Questo perché hanno già una cartella e sono già testati sulle principali malattie – spiega Fabiola –  La donazione dovrebbe avvenire nella clinica della Malpensa. Ho già contattato un riferimento di Torino che ha un gran cuore, come tutti i donatori, però vi chiedo ancora una volta di farvi avanti se possedete i requisiti che ripeto: DEA 1.1 NEGATIVO CHE SONO GIÀ DONATORI”.

La vita di Wave è appesa ad un filo.  la cordata di solidarietà continua per lei, Dario e tutti suoi amici.