La “Sinistra per la Lombardia” si presenta. Oggi, sabato 13 gennaio, è stato predisposto un gazebo in piazza Campello a Sondrio per cominciare a raccogliere le firme per partecipare alle elezioni regionali.

“Sinistra per la Lombardia”  si presenta

Comincia oggi a Sondrio la raccolta delle firme da parte di “Sinistra per la Lombardia” per partecipare alle elezioni regionali. Una chiamata alle urne che il movimento definisce una “partita truccata!”. “Questo si vorrebbe che fossero le elezioni regionali in Lombardia grazie alle regole che le forze politiche già presenti in Consiglio hanno confezionato a tutela di sé stesse ed escludenti rispetto alla possibilità che dalla società emergano proposte nuove”. Così leggiamo sul volantino distribuito oggi in piazza Campello. E ancora: “Chi è già presente in Consiglio regionale non dovrà raccogliere le firme per partecipare alle elezioni. Le nuove liste invece, che spesso hanno meno mezzi e risorse, devono raccoglierne un numero esorbitante, pari a quello necessario in tutt’Italia per le Politiche”. Si parla infatti di 20 mila sottoscrizioni.

“Una grave ferita alla democrazia”

“Siamo di fronte a un ceto politico attento ai propri privilegi”. Sostengono ancora da “Sinistra per la Lombardia”, che spiega: “Si barrica nel palazzo ergendo barriere tendenti a trasformarlo in una casta inamovibile”. Inoltre: “Nel Paese tutti hanno discusso del numero elevato di firme per le elezioni politiche, ignorando la ben più grave ferita alla democrazia che si sta consumando in Lombardia. Il superamento di questo iniquo sbarramento è per noi un impegno di resistenza democratica”.

Leggi anche:  Pioggia per i prossimi giorni PREVISIONI METEO

Massimo Gatti candidato alla presidenza della Regione

“Sinistra per la Lombardia si presenta oggi per valorizzare il lavoro che la Sinistra ha compiuto in questi anni – ha detto oggi a Sondrio Massimo Gatti, candidato alla presidenza della Regione – Pur essendo “poveri” rispetto agli altri gruppi abbiamo la pretesa di diventare un punto di riferimento in Lombardia contro la politica delle privatizzazioni selvagge e per noi queste non sono solo promesse. Vogliamo partire dai problemi concreti. Siamo per una Lombardia che dia fiducia ai lombardi. Ma la priorità ora è la raccolta delle firme, una cifra stratosferica. Sarà la nostra prima battaglia”. Piero Mario Puliti, insegnante all’Istituto Agrario di Sondrio, è invece il candidato alle Provinciali di Sondrio.