C’è il progetto definitivo per il sottopasso di via Nani. Consentirà di eliminare l’ultimo passaggio a livello in centro città. Il via ai lavori in marzo.

Sottopasso di via Nani: obiettivo sicurezza

L’assessore Michele Iannotti e l’ingegner Marco Scaramellini hanno presentato questa mattina il progetto definitivo dell’opera. Si tratta di un intervento atteso da anni. L’obiettivo è di garantire la sicurezza dei pedoni. “Ritengo questo intervento importante perché va a risolvere un problema di sicurezza – ha detto l’assessore – È l’ultimo passaggio a livello in centro città. Tutti gli altri sono stati tolti in questi anni con un investimento complessivo di circa 8 milioni di euro. Quello di via Nani è attraversato ogni giorno da moltissime persone che vivono in un quartiere che ha avuto uno sviluppo importante. E tra loro ci sono anche molti bambini e ragazzi che devono attraversare i binari per andare a scuola”.

Risolti i problemi tecnici

Lo staff di progettisti coordinato dall’ingegner Scaramellini ha dovuto affrontare alcuni problemi di natura tecnica. Il principale riguardava lo scarso spazio a disposizione. Che associato alle prescrizioni di RFI costringeva a realizzare il sottopasso con una pendenza eccessiva. Un problema che è stato superato così come quello del reperimento dei fondi necessari. Complessivamente l’opera costerà 1,25 milioni di euro.

Leggi anche:  Sondrio, muore schiacciato dalla sua auto

Breve stop alla circolazione dei treni

Il progetto esecutivo sarà approvato entro la fine dell’anno. Poi si darà il via alla gara d’appalto. E l’inizio dei lavori è previsto in marzo. La speranza è di riuscire ad aprire il nuovo sottopasso prima dell’inizio del prossimo anno scolastico. Per limitare i disagi alla circolazione ferroviaria sono stati studiati degli step nella realizzazione delle opere che consentiranno di fermare i treni per un massimo di nove giorni.

Su Centro Valle tutti i dettagli

Su Centro Valle in edicola sabato 10 dicembre tutti i dettagli del progetto e le ricostruzioni di come sarà l’opera una volta ultimata.