Sono tre le Stelle Michelin per Valtellina e Valchiavenna. Tre conferme che vedono brillare La Preséf de La Fiorida, la Lanterna Verde e il Cantinone.

Stelle Michelin: sinonimo di eccellenza

La Stella Michelin è sinonimo di eccellenza nella gastronomia. E anche quest’anno la guida di riferimento non ha potuto dimenticare la nostra provincia. Il riconoscimento a Cantinone di Madesimo e Lanterna Verde di Villa di Chiavenna è ormai una tradizione che si rinnova anno dopo anno. A testimonianza della scelta intrapresa di puntare sull’alta qualità delle materie prime e nella preparazione dei piatti.

La Preséf, agriturismo stellato

Il caso de La Preséf della Fiorida di Mantello è altrettanto particolare. Nel 2013 fu il primo agriturismo a vedersi assegnare il prestigioso riconoscimento. L’attestato di quest’anno assume un valore particolare. Il 2017 è stato infatti interamente dedicato all’ulteriore valorizzazione dei punti di forza che avevano portato alla prima stella. Vale a dire  i 68 metri che uniscono la fattoria, le sue produzioni e la cucina. Un percorso portato all’evidenza della tavola dalla Brigata di Cucina guidata dall’Executive Chef Gianni Tarabini e da Chef Franco Aliberti. Ma supportato dall’analogo impegno di ogni reparto su cui si articola la vita de La Fiorida.

La produzione casearia

È il caso ad esempio dell’affinamento delle tecniche di produzione casearia che ha portato alla creazione della Mozzarella Alpina e della Burrata Alpina. Che sono ottenute dal latte delle vacche di Razza Bruna Alpina allevate in fattoria e protagoniste di alcune proposte della Carta Stellata de La Preséf. Carta ove è tangibile il territorio circostante di Valtellina e Alto Lago di Como, ed in cui si affacciano i formaggi valorizzati dal progetto “Terra Alta di Valtellina”, promosso da La Fiorida. Una piccola produzione tradizionale della Latteria Sociale di Mellarolo, attorno cui ruota la vita delle ultime famiglie rimaste ad abitare la frazione della Valgerola, che qui si occupano di allevare 20 capi, produrre in caseificio, manutenere prati, pascoli e alpeggi. Formaggi dal sapore “ancestrale”, come efficacemente descritto da Chef Tarabini, che portano ulteriormente la tavola de La Preséf ad essere il punto di incontro tra tradizione, qualità contemporanea e loro proiezione nel futuro, in un ideale viaggio cui sono coinvolti i sensi degli ospiti.

Leggi anche:  Emergenza neve: i pompieri in azione a Colico

Il commento degli chef

Gli Chef Gianni Tarabini e Franco Aliberti commentano: “Una riconferma che premia un intero territorio, attraverso l’impegno di centinaia di persone, dentro e fuori La Fiorida. Giunge al termine di un anno intenso, in cui abbiamo coniugato la ricerca in cucina di una valorizzazione delle nostre peculiarità ‘senza fronzoli’, l’allargamento del nostro concetto di Filiera Corta nel contesto circostante e dall’altra parte una costante presenza quali ambasciatori del gusto, portando sapori e tradizioni valtellinesi e de La Fiorida in iniziative locali, nazionali ed internazionali di altissimo profilo”.