La Regione ha avviato un piano di vaccinazione per contrastare la febbre catarrale degli ovini, o anche detta Blue Tongue

Blue Tongue

La febbre catarrale degli ovini, più comunemente nota come Blue Tongue, è una malattia infettiva non contagiosa dei ruminanti, trasmessa da insetti vettori ematofagi (culicoidi). La Blue Tongue non è trasmissibile all’uomo, né per contatto, né attraverso il consumo del latte e della carne . L’infezione è caratterizzata da una sintomatologia molto grave negli ovini con febbre, scolo nasale, edema della testa e congestione delle mucose della bocca. Nei casi più gravi la lingua, ingrossata e cianotica, fuoriesce dalla bocca, da qui il nome di lingua blu dato alla malattia.

Vaccinazione unico strumento di protezione

La vaccinazione rappresenta l’unico strumento di protezione è stato attivato un piano di vaccinazione nei confronti del sierotipo BTV – 4 nel territorio della Regione Lombardia. La vaccinazione è dunque obbligatoria per i capi della specie ovina e i capi della specie caprina conviventi con gli ovini dei greggi vaganti. La vaccinazione è invece volontaria per i capi della specie bovina, bufalina e dei caprini non oggetto di vaccinazione obbligatoria.

Modalità

L’acquisto, lo stoccaggio e la distribuzione dei vaccini è a carico dell’ATS della Montagna, mentre le spese per le operazioni di vaccinazione sono a carico degli allevatori. La distribuzione del vaccino è quindi gratuita e proseguirà oltre che nel Distretto Veterinario Vallecamonica-Sebino, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.00 ed illunedì, mercoledì e giovedì dalle 13.30 alle 15.30, anche presso le sedi Distrettuali del Dipartimento Veterinario della provincia di Sondrio e del Distretto del Medio Alto Lago, in orario d’ufficio dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.00. La consegna delle dosi avverrà dietro presentazione di idonea documentazione in possesso dei veterinari libero professionisti presenti sul territorio dell’ATS della Montagna.

Leggi anche:  ATS della Montagna premiata per le analisi al Sert

 

Fatta salva la libera scelta del veterinario libero professionista da parte dell’allevatore, ai fini della complessiva efficacia della campagna vaccinale, l’ATS della Montagna ha incaricato i liberi professionisti, già operativi per la bonifica sanitaria degli allevamenti, di proporre la vaccinazione agli allevatori, con oneri economici da regolarizzare direttamente fra gli stessi. Questi sono così previsti dal Decreto regionale n. 2929 del 17/03/2017: €. 2,00/capo, comunque con un importo non inferiore a €. 20,00 per accesso in allevamento, + IVA, se dovuta, e ENPAV.

Per informazioni telefonare in orario d’ufficio ai recapiti telefonici distrettuali del Dipartimento Veterinario dell’ATS della Montagna e dell’Area di Coordinamento Territoriale Valcamonica-Sebino:
Porlezza: tel. 0344 62828

Sondrio: tel. 0342 555007

Chiavenna: tel. 0343 67389

Tirano: tel. 0342 707299

Morbegno: tel. 0342 643302

Bormio: tel. 0342 909223

Breno: tel 0364 329415