Due ragazzi di Lissone (MB) di 25 e 26 anni sono rimasti bloccati a 2500 metri di quota in Valmalenco.

Bloccati dal maltempo in Valmalenco

La chiamata di soccorso è arrivata intorno a mezzogiorno, la Centrale operativa ha attivato la stazione del Soccorso Alpino in Valmalenco. I due giovani avevano pernottato in quota e stavano scendendo dalla zona del rifugio Del Grande – Camerini ma hanno perso l’orientamento a causa della nebbia. Il sentiero era stato ricoperto dalla neve e, nel tentativo di riprenderlo, si sono ritrovati su un dirupo roccioso. Allora hanno chiesto aiuto: sono riusciti a fornire le coordinate ai tecnici del Soccorso Alpino, che li hanno localizzati in poco tempo. I soccorsi li hanno raggiunti, erano illesi ma infreddoliti e affaticati. Sono stati accompagnati a valle.

Raccomandazioni del Soccorso Alpino

“Ogni periodo dell’anno presenta caratteristiche differenti: la montagna cambia ed è fondamentale adeguarsi. – raccomanda il Soccorso Alpino – Le previsioni meteorologiche sono sempre da prendere in considerazione, perché lo stesso sentiero può presentare un differente livello di pericolosità in presenza di neve, pioggia o ghiaccio. La stessa cosa vale per la visibilità che, se compromessa, diventa fuorviante, soprattutto senza una conoscenza approfondita dei posti. Le calzature devono garantire una presa sicura sul terreno e l’equipaggiamento va sempre scelto con grande attenzione, per essere protetti dal freddo, dalla pioggia e dall’eventualità di dovere restare all’aperto più del previsto, quando sorgono delle complicazioni”.

Leggi anche:  Tragedia sul Lago, centauro muore tra le fiamme