Appuntamenti da tutto esaurito.

Capodanno aprichese e incontro con Confortola con il pienone

Aprica registra per la fine dell’anno il tutto esaurito e la soddisfazione dei turisti che per queste feste di Natale si sono visti fare il regalo di una meravigliosa nevicata. Paesaggio fiabesco e piste tutte aperte e perfettamente innevate sul comprensorio Aprica-Corteno. Per il 31 si è quindi potuta riproporre la suggestiva fiaccolata dai 3 monti, Magnolta, Palabione e Baradello con arrivo nell’area dei Campetti di oltre 100 maestri di sci. Nell’attesa, altri maestri di snowboard e telemark, qualche nostalgico con sci di legno e i ragazzi dell’agonistica si sono esibiti in uno spettacolo “a tutto sci”. La serata si è chiusa con l’immancabile spettacolo pirotecnico.

Confortola

L’anno si è poi aperto il 2 gennaio con il grande alpinista valtellinese Marco Confortola, accolto in una sala congressi colma di attenti e partecipi ascoltatori. Confortola ha raccontato la sua ultima impresa, l’ascesa il maggio scorso sul suo decimo 8000, il Dhaulagiri. Dopo la proiezione di un video, si è reso disponibile, come da sua attitudine, per le tante domande del pubblico. E infine ha fatto un prezioso regalo al Museo dello sci di Aprica “Scarpù uècc” ed in particolare al suo ideatore Elio Negri, visibilmente commosso. L’alpinista gli ha consegnato gli sci e le racchette, adattate con una piccozza, utilizzati per la discesa sulla parete nord dell’Ortler. Inoltre tuta e accessori (scarponi, guanti e cappello) indossati nell’ascesa dell’Everest.