La proposta è certamente fuori dell’ordinario ma, proprio per questo, allettante: trasformarsi in esploratori della biodiversità per un giorno. A lanciarla il Parco delle Orobie Valtellinesi che anche quest’anno ha aderito all’iniziativa denominata “Bioblitz”, promossa per il terzo anno consecutivo da Regione Lombardia e Area Parchi in collaborazione con le aree protette lombarde.

Sei iniziative

L’appuntamento è per sabato 19 e domenica 20 maggio. La partecipazione è completamente gratuita, aperta a bambini e adulti, ma sarà necessario prenotarsi entro il 18 maggio, oltre che munirsi di una buona dose di entusiasmo unita alla voglia di scoprire. Sei le iniziative concentrate nella due giorni naturalistica che toccheranno diverse zone delle Orobie valtellinesi: due sabato 19 e quattro nella giornata di domenica 20 maggio.

Sabato 19 maggio

Per quanto riguarda sabato si potrà scegliere tra la luce del giorno e le ombre della sera, tra insetti e anfibi. Al Parco della Bosca, nel morbegnese, è prevista una camminata per il censimento degli insetti dei boschi ripariali, attraverso il riconoscimento sul campo dei vari esemplari con l’utilizzo di contenitori, retine e lente di ingrandimento, Gli anfibi, in particolare la salamandra nera alpina e quella pezzata e la rana montana, saranno il gruppo indagato durante la passeggiata in notturna da Albaredo alla valle di Bema, passando per il Dosso Chierico.

Leggi anche:  Corpo musicale di Ardenno in concerto

Domenica 20

Per la giornata di domenica 20 si potrà scegliere tra quattro proposte per indagare licheni, insetti, farfalle e avifauna. In Valgerola è prevista una piacevole escursione per il censimento di briofite e licheni con il riconoscimento sul campo degli esemplari mediante l’osservazione diretta. Chi preferisce rimanere nel fondovalle può iscriversi all’escursione in programma al Parco della Bosca, per osservare l’avifauna stanziale. Ad Aprica, nella Riserva naturale di Pian di Gembro, l’attenzione si concentrerà sui lepidotteri ropaloceri che verranno riconosciuti e catturati con un retino, ma solo temporaneamente, per essere osservati. Infine a Faedo Valtellino, nella Riserva Bosco dei Bordighi, il censimento sarà alla vista e al canto dell’avifauna della zona con riconoscimento diretto.

Prenotazione obbligatoria

Per partecipare alle sei iniziative è consigliato un abbigliamento adeguato: scarponcini da trekking, abiti comodi a strati, giacca impermeabile, torcia frontale o manuale per la sera e binocolo per il giorno. La prenotazione è obbligatoria: il termine scadrà alle ore 12 di venerdì 18 maggio. Per informazioni ci si può rivolgere al Parco delle Orobie Valtellinesi: 0342 211236 (dalle 8 alle 13, 329 2280341, info@parcorobievalt.com.