Un 2018 ancora più ricco di concerti e di teatro, di musica e di cultura, attende la Valchiavenna con una novità assoluta: non ci saranno sovrapposizioni né eventi concomitanti, poiché il programma è stato definito dalla Comunità Montana della Valchiavenna con le associazioni Chiavi d’argento,  Piuro Cultura e Pianissimo. L’obiettivo è quello di offrire un programma di alto livello a tutti gli appassionati senza l’assillo di dover scegliere tra gli appuntamenti in calendario. ‘Valchiavenna in Musica’ vede la regia dell’ente comprensoriale, il coinvolgimento dei comuni di Chiavenna, Mese, Piuro, Villa di Chiavenna e Verceia e il sostegno di Regione Lombardia, Provincia e Bim, oltre che di Fondazione Pro Valtellina e Fondazione Gruppo Credito Valtellinese.

Valchiavenna in musica 2018

«Con soddisfazione presentiamo un calendario di appuntamenti di livello assoluto, risultato dell’apprezzabile lavoro svolto in questi anni dalle associazioni del territorio con il nostro sostegno – evidenzia il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna Severino De Stefani -. Abbiamo riunito tutti allo stesso tavolo definendo un calendario unico nell’interesse del sempre più ampio pubblico di appassionati che seguono questi eventi culturali e musicali».

Venti appuntmenti

Venti appuntamenti, tra febbraio e dicembre, con rassegne corali, concerti di musica classica e moderna e rappresentazioni teatrali, nei più prestigiosi luoghi di cultura della valle e all’aperto, compresi gli eventi ormai tradizionali, come la rassegna “Le chiavi d’argento”, sabato 12 maggio, e il concerto di San Lorenzo a Palazzo Vertemate, il 10 agosto, e quelli più attesi del 2018, è il caso di Rezia Cantat, dall’8 al 10 giugno, e delle celebrazioni per l’anniversario della frana di Piuro, tra marzo e settembre. Tanti eventi opportunamente programmati da segnare sul calendario senza il timore di ritrovarsene due nello stesso giorno: non mancherà il tempo per viverli e apprezzarli uno ad uno. Dopo l’esordio, il 24 febbraio scorso, con l’ottava edizione del Festival Pianistico, si prosegue sabato 17 marzo con la XXI Rassegna di Musica Organistica di Chiavenna e ancora il 23 con il Requiem di Mozart a Piuro nell’ambito di #Piuro400.

Leggi anche:  Corpo musicale di Ardenno in concerto

Qualità e quantità

«Le proposte delle associazioni in questi anni sono cresciute in qualità e in quantità – spiega il sindaco di Piuro Omar Iacomella -, perciò ci siamo impegnati per creare una regia unica e definire un calendario condiviso che non penalizzi nessuno ma che, anzi, esalti gli eventi organizzati da ciascuno. Abbiamo trovato grande condivisione con i soggetti che operano in ambito culturale in Valchiavenna e questo ha facilitato il lavoro. Il programma di Valchiavenna in Musica rappresenta per noi un obiettivo raggiunto».

«I primi ad essere soddisfatti di questa programmazione congiunta siamo noi associazioni – sottolineano Gianpietro Mariconti, Chiavi d’argento, e Francesca De Peverelli, Piuro Cultura -, poiché evitiamo antipatiche sovrapposizioni che, in passato, hanno penalizzato la fruizione degli spettacoli da parte del pubblico. Lavorare in sinergia fra enti pubblici e associazioni consente di far prevalere l’interesse degli appassionati».