La Banca Popolare di Sondrio ha sottoscritto nei giorni scorsi con la Banca Popolare di Vicenza in liquidazione coatta amministrativa un contratto che prevede l’acquisto da parte di Bps del 100% del capitale sociale di PrestiNuova.

PrestiNuova

PrestiNuova è una società di intermediazione finanziaria fondata nel 2005 e appartenente, sin dalla sua costituzione, al Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza, all’interno del quale ha sempre svolto attività di concessione di finanziamenti garantiti dalla cessione del quinto dello stipendio e della pensione o assistiti da delegazione di pagamento, affermandosi come uno degli apprezzati attori storici del settore. I suoi servizi sono rivolti ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e ai pensionati degli enti e delle casse di previdenza. PrestiNuova ha un portafoglio pari a circa 300 milioni di euro al 31 dicembre 2017 e un patrimonio netto di 37,7 milioni di euro.

Bps si rafforza in un settore strategico

L’operazione, dal punto di vista strategico, costituisce un’opportunità per rafforzare e sviluppare il progetto di specializzazione creditizia di Bps nel settore, già avviato con l’acquisizione di Banca della Nuova Terra e le consentirà di accreditarsi sul mercato come un attore significativo, generando importanti economie di scala.

Leggi anche:  La sfida di Si-Scuola Impresa: rilanciare l'istruzione tecnica

L’operazione e il closing

Il prezzo dell’acquisizione è pari a 53,37 milioni di euro e verrà corrisposto al momento del closing, atteso entro la fine del terzo trimestre dell’anno in corso. L’accordo prevede che Bps subentri a Intesa Sanpaolo nel funding di PrestiNuova a partire dalla data del closing. Il perfezionamento dell’acquisizione è subordinato al rilascio delle necessarie autorizzazioni di legge da parte delle competenti Autorità. La modalità di integrazione di PrestiNuova nel Gruppo Bps sarà definita a valle della finalizzazione dell’accordo.