Creval annuncia la sottoscrizione di un accordo per la cessione di un portafoglio costituito da crediti non performing secured (classificati ad Unlikely To Pay) per un valore lordo di libro (GBV) di circa 24 milioni di euro, a fronte di una valorizzazione complessiva del portafoglio pari al 58% circa del GBV.

Creval cede crediti non performing secured a Hoist Finance

Il portafoglio è costituito da circa 140 esposizioni creditizie verso privati, con sottostante prevalentemente immobili residenziali. L’operazione è coerente con gli obiettivi di cessione di crediti non-performing del Gruppo Creval, previsti nell’ambito del nuovo Piano Industriale 2018-2020, con un target di Gross NPE Ratio inferiore al 10% entro il 2020. La stessa si inquadra nel positivo track record della banca che ha già finalizzato cessioni di non performing loans per un valore complessivo di 2,1 miliardi di euro, di cui la più significativa per 1,4 miliardi (c.d. Project Elrond) tramite cartolarizzazione assistita dalla garanzia dello Stato (GACS) sulla tranche senior della cartolarizzazione, recentemente conclusa. Gli effetti dell’operazione saranno rilevati nel Conto Economico dell’esercizio in corso. Hoist Finance è stata assistita da Banca Akros S.p.A. e Aram Capital Ltd con il ruolo di arrangers.