La casa vinicola Nino Negri festeggia 120 anni. E lo fa con una grande giornata a Chiuro, nella sua sede storica.

Nino Negri festeggia 120 anni: cantine aperte

L’evento è cominciato questa mattina e proseguirà anche nel pomeriggio. Le cantine della casa vinicola di Chiuro sono state aperte per un gran numero di invitati. E in ciascuna è allestito un banco degustazione. Tra le chicche anche il nuovo vino Castel Chiuro. Si tratta di un prodotto realizzato proprio per l’occasione che richiama quello prodotto oltre sessant’anni fa.

Protagonisti il territorio e il Nebbiolo

I grandi protagonisti della giornata sono il Nebbiolo valtellinese e il territorio. La Nino Negri ha infatti messo in degustazione tutti i suoi prestigiosi prodotti, scegliendo le annate migliori e proponendo anche alcune vere rarità. Accanto ai vini in degustazione anche alcuni prodotti del territorio. Infine agli ospiti è stato offerto anche un pranzo preparato dai ristoratori dell’Altavilla di Bianzone e dell’Osteria del Crotto di Morbegno.

Leggi anche:  Agricoltura 4.0 Nuove tecnologie in un focus

Il commento di Casimiro Maule

L’enologo e direttore della Nino Negri non nasconde la soddisfazione per come si sta sviluppando l’evento. “La festa di oggi è nata anche dalla volontà di riconoscere il ruolo di chi lavora la vigna – ha commentato – E’ un ruolo fondamentale perché la base per ogni buon prodotto è una buona uva. Noi dobbiamo credere nei viticoltori e supportarli. Anche dando qualche aumento come quest’anno perché la qualità va pagata. E la festa di oggi è anche per i clienti, per far capir loro che c’è una squadra che lavora per esaudire le richieste e ascoltare le proposte. Loro sono quelli a contatto con il consumatore. E possono darci anche consigli. Noi possiamo fare un grande nebbiolo, ma deve anche piacere altrimenti resta tutto in cantina”.