“E’ con orgoglio che annunciamo che il progetto realizzato dalla Eco School di Triangia si è classificato nei tre finalisti a livello nazionale nel concorso indetto per la SERR, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti – commenta Pierluigi Morelli, Assessore all’Ambiente del Comune di Sondrio -. Un riconoscimento importante che premia il progetto ‘Sopra la panca’, questo il titolo dell’idea presentata dall’Eco School, ma che valorizza quella che cinque anni fa è nata come una scommessa e che oggi invece si presenta come un progetto innovativo: una scuola capace di impostare la propria didattica con un’accezione particolarmente legata all’ambiente”.

Salone Internazionale dell’Ambiente

Ed è così che il 13 aprile la Eco School di Triangia, Sondrio, si presenterà a Catania dove, in occasione del Salone Internazionale dell’Ambiente, potrà ritirare il proprio premio e scoprire se si è classificata prima, seconda o terza.

Importante riconoscimento

“Avere un riconoscimento di questa portata ci riempie di orgoglio e di felicità, ma la cosa più importante per noi è il processo didattico: il fatto che i bambini abbiano immaginato, progettato e partecipato alla realizzazione del progetto – commenta Meri Tognela, maestra Eco School Triangia -. Per noi le tematiche ambientali sono la cornice dentro la quale costruire delle iniziative interdisciplinari e l’ambiente che circonda la nostra scuola è parte integrante della didattica”.

Leggi anche:  Strumenti e opportunità sulla strada di Industria 4.0 con Confindustria Lecco Sondrio

Progetto sopra la panca

Ma qual è il progetto che si è classificato sul podio nazionale? Si chiama ‘Sopra la panca’ e nasce a seguito del tema proposta dalla stessa SERR ‘Dare una seconda vita’: “La nostra idea è stata quella di trovare materiali di riciclo, in particolare la carta, e di creare un nuovo oggetto. Abbiamo sperimentato e abbiamo visto che con la carta si potevano creare piccoli mattoni con i quali poi, grazie all’aiuto del cemento, abbiamo costruito una panchina progettata e decorata dai bambini” spiega Nadia Lotti, Fattoria Didattica Lunaalpina.

Lavoro di gruppo

Un bellissimo lavoro di gruppo che si è concluso con il posizionamento della panchina nella piazzetta principale di Triangia (di cui il Comune sta progettando la sistemazione) affinché sia a disposizione dell’intera comunità.
“Il premio è solo un’occasione in più per ribadire l’importanza di un progetto scolastico che non solo ha salvato di fatto un plesso, ma che oggi si presenta come un’alternativa diversa e innovativa capace di educare i nostri giovani cittadini, con la speranza che nel loro futuro avranno un rapporto più sensibile e preparato nei confronti dei temi della sostenibilità ambientale” conclude l’Assessore Morelli.