C’è un dato di fatto che contribuisce a rendere eccezionale la vendemmia 2017 in Valtellina.

Qualità eccezionale per la vendemmia 2017

E’ l’incredibile qualità raggiunta dalle uve raccolte che, malgrado gli evidenti cambiamenti climatici su scala globale e nazionale, nella vallata non hanno risentito negativamente di questo fattore, a differenza di molte altre zone dell’Italia. E’ un elemento oggettivo, certo, ma è anche intrecciato al valore di un patrimonio ambientale e naturalistico, alle positive scelte agronomiche e agricole che i coltivatori e le aziende vinicole hanno realizzato negli anni. La Valtellina, dunque, possiede un territorio che si è rilevato straordinario e adatto alla coltivazione della vite e, in particolare, di un vitigno come il Nebbiolo che, meno suscettibile alle principali avversità fitosanitarie, permette di ridurre notevolmente il numero d’interventi fitosanitari necessari per portare
a maturazione le uve.

Risultati promettenti

Mai come in questa vendemmia 2017 si sono visti risultati complessivamente così promettenti, con piante rigogliose e in perfette condizioni finali, con grande concentrazione di zuccheri naturali presenti nelle uve che, in diverse situazioni, sono arrivate a gradazioni elevate, costantemente, sempre al di sopra della media degli ultimi anni.

Frutto di un prezioso lavoro quotidiano

Il trend di aumento dei prezzi delle uve registrate in questi anni è una realtà evidente, grazie al lavoro quotidiano sia dei viticoltori che delle aziende che credono fortemente in un prodotto di qualità.

Leggi anche:  Ottimo avvio del Villaggio di Natale e dei mercatini di Aprica - LE FOTO

“L’obiettivo è quello di creare un rapporto di costante fiducia e aumentare la redditività della viticoltura. Per questo verrà riconosciuto un incremento del 5% in più rispetto al 2015, verso quelle partite che hanno dimostrato particolari caratteristiche, al fine di premiare ulteriormente l’impegno profuso in questa campagna vendemmiale. Da sottolineare comunque la generale presa di coscienza di trovarsi tutti impegnati nel mantenimento di un territorio vocato all’agricoltura, punto di partenza nella nascita dei vini della nostra terra” fa sapere il consorzio vini.

Vini della Valtellina esempi di qualità globale

I vini della Valtellina sono ormai considerati dalla critica enologica nazionale e internazionale tra i migliori e originali esempi di qualità globale. Non a caso il Nebbiolo delle Alpi è divenuto protagonista indiscusso di molte carte dei vini di prestigiosi ristoranti e locali della provincia, della regione, di enoteche e wine bar disseminati in Italia e anche nel mondo. Il tutto con bottiglie di tutte le aziende valtellinesi che, con grande soddisfazione e orgoglio del “Sistema Valtellina”, vengono oggi posizionate sugli scaffali a prezzi considerevoli, in grado di competere e confrontarsi con il meglio della produzione nazionale.

Ruolo fondamentale del Consorzio Vini

Spetta ora al Consorzio Vini di Valtellina capitalizzare questo risultato che, sommato alla forte crescita d’immagine del prestigio qualitativo dei vini valtellinesi, non può che trasformarsi in una grande opportunità futura per tutto il comparto e per l’insieme dell’economia territoriale