Giornale di Sondrio > Attualità > Abusi in Vaticano prete in Valtellina sotto accusa
Attualità Sondrio -

Abusi in Vaticano prete in Valtellina sotto accusa

Le accuse in Tv delle Iene e la replica della Diocesi

Abusi in Vaticano: il caso è esploso con il servizio Tv delle Iene contenente accuse a un prete di molestie sessuali.

Abusi in Vaticano: accuse a un prete

Secondo quanto raccolto dalle Iene nella trasmissione di domenica i fatti sarebbero avvenuti in Vaticano. Gaetano Pecoraro è partito dal libro di Gianluigi Nuzzi nel quale vengono raccontati alcuni episodi. Poi ha raccolto la testimonianza di due giovani, all’epoca minorenni. Uno dei due ha raccontato di essere stato abusato, l’altro di essere stato testimone. Ed entrambi hanno puntato l’indice contro un seminarista, ora divenuto sacerdote.

La trasmissione Tv

Il servizio è andato in onda domenica sera. Ma già da qualche giorno nel paese valtellinese in cui opera l’ex seminarista accusato, ora divenuto sacerdote, si era diffusa la voce della presenza delle Iene. Intervisto anche il vescovo, Oscar Cantoni, che ha ha poi diffuso una nota ufficiale della Diocesi nella quale spiega la vicenda.

La nota della Diocesi

“Con il presente comunicato la Diocesi di Como intende esprimere alcune osservazioni in relazione al servizio della trasmissione televisiva “Le Iene”, andato in onda domenica 12 novembre 2017 su Italia 1, avente quale titolo: “Hanno abusato di me in Vaticano”.
In merito ai rilievi mossi nei confronti di un seminarista, oggi sacerdote incardinato nella Diocesi di Como, si ritiene doveroso precisare quanto segue.
La Diocesi, come già anticipato in forma scritta alla redazione de “Le Iene” e alla direzione di Italia1, in base agli elementi in suo possesso, si attiene alla correttezza dell’iter di valutazione dell’idoneità al sacerdozio del suddetto seminarista, il quale ha compiuto a Roma il proprio percorso formativo, valutato positivamente dalle autorità a questo preposte.
Le accuse mosse sono già state oggetto di accertamento da parte delle competenti sedi ecclesiastiche: i Superiori canonici hanno osservato e valutato la persona e la sua condotta.
Il Vescovo di Como, preso atto dell’esito di predetta indagine, di tutte le valutazioni sulla personalità e sul cammino vocazionale del seminarista e, dopo aver ritualmente compiuto quanto di propria spettanza, ha ordinato presbitero questo giovane”.

Visite: 85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente