“Il 2018 sarà l’anno della montagna. Dopo che  il 2016 è stato l’anno del turismo e il 2017 quello della cultura nel 2017”. Lo ha detto il governatore lombardo Roberto Maroni.

L’anno della montagna: oggi l’annuncio

Lo ha annunciato il presidente Maroni al termine del convegno “Montagna Futuro: dalle linee guida al progetto 2018-2023 per la montagna lombarda“. Il convegno è stato organizzato dal sottosegretario con delega alle Politiche per la montagna Ugo Parolo. Si è svolto nell’ambito di “Montagna Futuro”, il progetto di Regione Lombardia per la promozione e lo sviluppo delle aree montane.

Maroni: “Vogliamo fare di più per la montagna”

“Il territorio montano – ha ribadito Maroni – rappresenta quasi la metà della Lombardia. Dove bisogna intervenire. Già lo facciamo con azioni concrete, ma vogliamo fare ancora di più per sostenere e valorizzare le nostre montagne. E questo oltre ad attuare politiche che permettano a chi vive questi luoghi di avere le stesse possibilità di lavorare e fare impresa di chi abita in città”.

Leggi anche:  Aumento biglietti treni scongiurato nel 2018

La Provincia di Sondrio è “speciale”

Il presidente lombardo parlando del sistema delle autonomie ha riservato un passaggio anche alla nostra provincia. “Non e’ l’unica ad ospitare montagne, ma è la sola ad essere riconosciuta come ‘Provincia montana’ da una legge dello Stato – ha detto – Come Regione, abbiamo iniziato ad intraprendere con Sondrio un rapporto ‘speciale’. L’obiettivo è di sperimentare un modello da estendere poi anche alle altre realtà di montagna”.