Un appuntamento in vista delle elezioni politiche che riveste un senso particolare. Lo propongono i candidati di Liberi e Uguali giovedì a Dongo.

Liberi e Uguali a Dongo: paese simbolo dell’antifascismo

“Se c’è un momento per essere “partigiani” è questo, perché è un errore mettere sullo stesso piano fascismo e antifascismo”. Così i candidati alle elezioni politiche di Liberi e Uguali annunciano la loro presenza giovedì a Dongo. Saranno al mercato per incontrare cittadini ed elettori dalle 9.30 alle 13.

Dongo non è un paese come gli altri

“Dongo è un paese che è entrato nella storia d’Italia e per questo assurge a luogo emblematico della lotta partigiana e dell’antifascismo – aggiungono i candidati – Non è banale quindi essere presenti in questo luogo nei giorni in cui , per effetto delle tragiche vicende di Macerata, si è tornati a parlare di fascismo e di razzismo. “Pretendo giustizia per mia figlia e non vendetta”. Queste le parole della mamma di Pamela Mastropietro. Ed è da queste parole che occorre partire per sgombrare subito il campo da un equivoco: il fascismo non è un’ opinione. Diversamente potremmo sostenere che è un’opinione la mafia. In un sistema democratico la dialettica e le differenze sono un valore, ma non quando sfociano in incitazione alla violenza ed all’odio razziale, e risulta ingiusto e antidemocratico il richiamo ad abbassare i toni perchè questo rischia
di diventare connivenza”.

Leggi anche:  Elezioni 2018 La sfida di Potere al Popolo e Sinistra per la Lombardia

Saranno presenti i candidati alle elezioni

Al mercato di Dongo saranno presenti i quattro candidati ella Politiche: Tino Magni, Martina Simonini, Simone Del Curto e Vicky Tshimanga.