Presentazione ufficiale per i candidati alle elezioni regionali della Lega Massimo Sertori e Simona Pedrazzi.

Elezioni Regionali: ecco i candidati della Lega

Simona Pedrazzi propone quattro punti. Massimo Sertori due questioni chiave. Tutti legati dalla parola d’ordine per la sfida di Attilio Fontana verso la presidenza della Regione: autonomia. Si è svolta questa mattina nella sede della Lega a Sondrio la presentazione dei due candidati nel collegio della nostra provincia. Presenti numerosi esponenti del partito.

Simona Pedrazzi

Esponente della Lega in Valmalenco e consigliera comunale a Chiesa è anche commissario in valchiavenna del partito. Quattro i grandi temi che propone agli elettori attraverso quattro “più”. Spiega: “Sono Più Lombardia perché voglio rafforzare l’autenticità della nostra regione. Più autonomia per restituire a lombardi il frutto delle loro fatiche. Più voce alla montagna perché è un’opportunità. E più voce alle persone”.

Massimo Sertori

L’ex presidente della Provincia e attuale responsabile federale per gli enti locali della Lega ha due temi forti. “Il primo è il lavoro – spiega – E’ una delle competenze che lo Stato può lasciare alla Regione. In particolare le politiche attive. Quando ero presidente della Provincia facemmo un fondo per i tirocini dando la possibilità ai ragazzi di fare stage pagati in azienda per sei mesi. Circa il 50% sono stati assunti a tempo indeterminato. Questo sistema ha funzionato bene qui ma è stato un fallimento da altre parti. E dunque è chiaro che le politiche del lavoro devono essere declinate sui territori perché ognuno ha le proprie caratteristiche e le proprie esigenze”. Il secondo tema è invece la rappresentanza politica della Valtellina: “Siamo pochi e per altri partiti irrilevanti. Quindi dobbiamo essere capaci di fare sintesi e uscire con una voce sola. Se sarò eletto, sui progetti fondamentali per la Valle, voglio coinvolgere i sindaci. Tutti, indipendentemente dal colore politico. Dobbiamo trovare insieme la soluzione più adatta e poi confrontarci in modo unitario con gli enti superiori”.

Leggi anche:  Tirano, passi decisivi per la tangenziale

Domani, sabato 10 febbraio su Centro Valle l’articolo completo.