Sostegno pieno e convinto all’aspirante governatore lombardo Giorgio Gori da parte di Italia Europa Insieme. Ad annunciarlo insieme alla sua candidatura al consiglio regionale è stata Elisa Ratti intervenuta a Sondrio nella sede del Partito Socialista insieme al segretario provinciale Ermanno Simonini. Con lei in lista anche il giovane Alessandro Grolli che però all’incontro di sabato non è potuto intervenire.

Voltare pagina

“In Lombardia è tempo di voltare pagina – ha spiegato Ratti – siamo uno dei pilastri della realtà economica europea ma siamo retrocessi di molto nella classifica dei servizi garantiti ai cittadini. C’è bisogno di guardare non solo al Pil ma anche al benessere della popolazione”. Da qui l’accorato invito di andare a votare, perchè se c’è qualcosa che non vi piace dell’attuale amministrazione e bene andare a votare e scegliere qualcosa di diverso dalla Lega”.

Sanità, trasporti e formazione

Sul piatto la candidata Ratti ha messo subito la sanità e i trasporti. “La riforma sanitaria, oltre ai proclami della Lega, è stata fallimentare sotto molti aspetti – ha detto – la situazione dei trasporti è sotto gli occhi di tutti ogni giorno, di fronte ad esse viene naturale chiedersi se non sarebbe stato meglio dedicare a migliorare i servizi quei 50milioni di euro invece sprecati per un referendum inutile, quello sull’autonomia dello scorso 22 ottobre 2017”. Altra questione fondamentale per “Italia Europa Insieme” è l’istruzione e la formazione. “Abbiamo bisogno di una scuola che garantisca ai nostri giovani un futuro e di un sistema formativo che permetta alle persone che escono dal mondo del lavoro di riuscire a reintegrarsi nei migliori dei modi”.