Un bilancio sui pentastellati candidati a tutti i livelli.

Caso Buffagni

In Lombardia esplode il caso Stefano Buffagni. Il consigliere regionale uscente è stato candidato alla Camera nella Circoscrizione Lombardia 1, Collegio 2, ma al secondo posto dopo Paola Carinelli. Cosa che ha scatenato le proteste di molti grillini per due motivi. Il primo è che la sua nomina in Parlamento è a rischio perché per essere eletto il M5S dovrà ottenere un grande risultato; il secondo è che al suo posto gli è stata preferita la componente dei probiviri dei pentastellati nonché compagna di Vito Crimi. Buffagni, vicino al candidato premier Luigi Di Maio, è considerato un esponente emergente ma anche il pontiere tra il Movimento e il mondo imprenditoriale del Nord.

Candidati al Senato e alla Camera

Confermata invece la discesa in campo di Gianluigi Paragone (Senato, Circoscrizione Lombardia, capolista del Collegio 3); sempre al Senato in Lombardia sono stati confermati i parlamentari uscenti Danilo Toninelli (capolista del Collegio 1) e Vito Claudio Crimi (Collegio 2). Esclusa invece Maria Laura De Franceschi. Tra i candidati all’uninominale correrà pure Angelo Baiguini, direttore editoriale del Gruppo Netweek,  ma che si è autosospeso da tutte le cariche.
I candidati a Camera e Senato