Alice Gaggi trionfa al Bronzone Trail  e vince il Tricolore di corsa in montagna lunghe distanze per il 2018.

Bronzone Trail

Una gara incerta fino agli ultimi chilometri nella gara maschile, una gara senza storia in quella femminile, La seconda edizione del Bronzone Trail ha regalato anche quest’anno tante emozioni, un appuntamento speciale quello del 20 maggio 2018 visto che quest’anno si assegnavano i titoli di campionato italiano individuale e di società lunghe distanze di corsa in montagna. Da Paratico fino ai Colli di San Fermo passando per la croce di Predore e soprattutto la ‘cima Coppi’ della giornata, il Monte Bronzone terrazzo naturale sul basso Sebino, la Franciacorta e la pianura padana. A vincere i titoli italiani in palio sono stati Alessandro Rambaldini e Alice Gaggi i favoriti della vigilia.

Alice Gaggi trionfa e vince il Tricolore

Una superlativa Alice Gaggi trionfa e conquista il tricolore sui Colli di San Fermo per la portacolori della Recastello non ci sono rivali, 2 ore 10’37 è il tempo fatto registrare dalla Gaggi seguita da Cecilia Basso (Orecchiella Garfagnana) a oltre 9 minuti di distacco e prima tra le promesse, terza Simonetta Menestrina (Atletica Trento) e prima tra le master 50. “Sono molto contenta della gara, il periodo di forma ottima continua e sono contenta di questi risultati. Correre qui è stato bellissimo, è la prima volta che salgo al Bronzone e devo dire che è uno spettacolo unico il panorama da lì, poi arrivare ai Colli di San Fermo rievoca ricordi del passato quando correvo al Plebani, tutto bello insomma. Ora penserò agli italiani di staffetta dove penso di correre con Samantha Galassi e poi ai mondiali di lunghe distanze in Polonia”.

Leggi anche:  Medaglia per Patrick Olcelli ai Campionati Italiani

Gara maschile

La gara maschile è stata ancora una volta entusiasmante con un duello fino all’ultimo chilometro tra Alessandro Rambaldini (Atletica Vali Bergamasche) che alla fine in 1 ora 46’15” e Andrew Mang’ata (ASD Interbational Secutiry) in gara con i colori della Valetudo Serim. È Mang’ata a guidare quasi tutta la gara con Rambaldini che parte in rodina per rimontare metro dopo metro fino alla discesa dal monte Bronzone dove riesce a recuperare gran parte dello svantaggio. Nella parte di continui saliscendi che dal Bronzone portano ai Colli di San Fermo ‘Rambo’ riduce lo svantaggio e passa il keniano presentandosi al traguardo per primo con oltre un minuto di vantaggio. Secondo Mang’ata, terzo in rimonta Jean Baptiste Simukeka (Orecchiella Garfagnana), quarto Emanuele Manzi (US Malonno) che conquista l’argento e molto probabilmente anche una maglia azzurra per i prossimi mondiali di lunghe distanze in Polonia.