L’abbondante nevicata scesa tra mercoledì notte e giovedì non ha fermato né la macchina organizzativa della Stralunata né gli atleti che si sono cimentati nella cronoscalata in notturna dell’Aprica appunto giovedì 1° febbraio.

 

Numero ridotto di partecipanti alla Stralunata 2018

Certo il numero di iscritti è stato inferiore al solito, esclusi i giovani si parla di 160 partecipanti, proprio per le condizioni meteo, ma chi non ha vacillato di fronte alla neve, ha potuto elogiare un’organizzazione come sempre impeccabile.

Vince Michele Boscacci

Anche il vincitore Michele Boscacci, atleta valtellinese di livello mondiale, dice che torna volentieri all’Aprica per la bellezza della salita e l’ottima organizzazione della gara e del post gara. Gli atleti, dopo un breve stacco a piedi da Via Palabione, sono saliti lungo la pista “B” del Palabione per poi raggiungere il traguardo al Rifugio CAI Valtellina. Primo degli uomini appunto Boscacci con il tempo di 21.12 e delle donne Corinna Ghirardi in 40.00 minuti. Gli stessi si sono aggiudicati anche la 1ª edizione della “Combinata Verticale” che unisce i tempi della Stralunata con quelli realizzati in occasione della Melavertical del 30 settembre 2017. Il connubio tra la Polisportiva Villa e Valtellina Winetrail con l’associazione Stralunata è partito con il piede giusto e ci sono le basi per far crescere la manifestazione congiunta.

Leggi anche:  Storica medaglia per l'Italia nello short track

Ringraziamenti

I ringraziamenti da parte del Presidente dell’Associazione Stralunata, Maurizio Natali, vanno in primo luogo alle società impianti che, proprio per le condizioni nivo-meteo, hanno appositamente battuto la pista prima della partenza, e poi al Comune di Aprica, alla Proloco, alla CRI di Aprica, al BIM Adda, alle forze dell’ordine e ai numerosi volontari senza i quali la manifestazione non sarebbe realizzabile. Confidando in un tempo più clemente (si è pensato scherzosamente di ribattezzarla Stranevicata…), si è già fissato il prossimo appuntamento: 20 febbraio 2019.