Un momento solidale.

A Tirano GAS incontra Il Gabbiano

Il 4 luglio, la casa alloggio di Tirano dell’associazione Il Gabbiano ha ospitato un momento di incontro con il Gruppo di Acquisto Solidale di Tirano. Una rappresentanza dei soci del GAS ha portato qualche dolce, mentre al Gabbiano hanno preparato il tè. Fare quattro chiacchiere non è stato difficile. Il GAS raccoglie una trentina di persone/famiglie che fanno acquisti in comune, direttamente dai produttori. La consegna e distribuzione dei prodotti acquistati è organizzata al Gabbiano, in uno spazio dedicato, ed è curata da Paolo e Marco, ospiti della casa alloggio. Per ogni acquisto i soci lasciano in cassa una piccola somma che si accantona e che viene destinata a solidarietà. Recentemente l’assemblea del GAS ha deciso di dare questo sostegno economico all’azione del Gabbiano. Così il tè è stata l’occasione per la consegna simbolica dell’incoraggiamento e del ringraziamento.

Commento

“Frequentando quella comunità si può capire meglio come funziona il meccanismo che distribuisce fortune e sfortune. Si può vedere concretamente come le difficoltà a volte schiacciano le persone, quando la sfortuna o le circostanze rendono troppo difficile superarle” dice Ruggero Spada, in rappresentanza del GAS Tirano. “Siamo contenti di interagire con una realtà importante come il GAS di Tirano, che dà l’opportunità alle persone di entrare nella nostra casa e a noi di aprirci al territorio” dice Maria Deghi, responsabile della struttura. “Siamo anche soddisfatti della nuova sistemazione nella sede dell’ex carcere mandamentale di Tirano che oltre a rappresentare un valore simbolico come trasformazione da luogo di chiusura a luogo di libertà, rappresenta un grande cambiamento per la qualità di vita e di cura delle persone che ospitiamo”.