Nel week end del 6 e 7 aprile in Valtellina e Valchiavenna la Polizia Stradale ha effettuato numerosi controlli. L’attività è stata svolta nel circondario di Sondrio ed in località San Pietro di Samolaco, sulla Strada Provinciale nr. 2 “Valeriana”, dove sono stati controllati diversi automobilisti, tutti sottoposti a screening con l’utilizzo di precursore ed etilometro per accertare la guida in stato di ebbrezza.

Sette patenti ritirate in Valtellina e Valchiavenna

In totale sono 6 gli automobilisti, tutti italiani, sorpresi con un tasso alcolemico superiore ai limiti legali; per loro sono scattate le sanzioni previste dall’art. 186 del Codice della Strada. Un settimo automobilista durante i controlli ha detto agli agenti di aver assunto sostanze che ne alteravano la condizione psicofisica, per lui è scattato il ritiro preventivo della patente.

Nel sondriese

Quattro le patenti ritirate in Sondrio: ad un 36enne e ad un 46enne, entrambi denunciati all’Autorità Giudiziaria perché circolavano con un tasso alcolemico superiore a 0,80 g/l, nonché ad un 32enne e ad un 61enne, che circolavano con tasso alcolemico compreso tra 0,50 e 0,80 g/l. (a questi ultimi è stata comminata la sanzione amministrativa di € 532,00 e la sospensione della patente anche per loro, che verrà decretata dalla Prefettura di Sondrio).

Leggi anche:  Seggiolini anti abbandono in auto saranno obbligatori

A Samolaco

Due le patenti ritirate in San Pietro di Samolaco: ad un 25enne, denunciato all’Autorità Giudiziaria perché circolava con un tasso alcolemico superiore a 0,8° g/l, nonché ad un altro 25enne, che circolava con tasso alcolemico compreso tra 0,50 e 0,80 g/l. (a quest’ultimo è stata comminata la sanzione amministrativa di € 532,00 e la sospensione della patente anche per lui, che verrà decretata dalla Prefettura di Sondrio).

Assunzioni di sostanze

Infine è stato effettuato il ritiro preventivo della patente, in località San Pietro di Samolaco, ad un 23enne, anch’esso italiano, che circolava alla guida in condizioni di manifesta alterazione psicofisica dovuta alla assunzione di sostanze stupefacenti, come dichiarato dallo stesso conducente, il quale è stato accompagnato presso la struttura sanitaria di Chiavenna per il prelievo di campioni di liquidi biologici ai fini dell’effettuazione degli esami necessari ad accertare la presenza di sostanze stupefacenti o psicotrope. Qualora l’esito degli accertamenti sarà positivo il 23enne verrà denunciato all’Autorità Giudiziaria.