I cittadini di Chiavenna preoccupati per la presenza di alcuni venditori porta a porta. Consapevoli del detto che recita “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”, molti residenti hanno per scrupolo contattato la Polizia Locale per segnalare la presenza dei “personaggi sospetti”. Un gesto più che giustificato difronte alle molte truffe che vengono portate a termine da malintensionati che si aggirano anche nella nostra provincia. Fortunatamente però i commessi viaggiatori sono in buona fede e stanno solo svolgendo il proprio mestiere.

Venditori porta a porta

La Polizia Locale infatti tramite un comunicato stampa fa sapere che “Sono pervenute diverse segnalazioni al comando di Chiavenna attinenti la presenza di rappresentanti di una società per la vendita porta a porta di rilevatori fughe di gas. Si porta a conoscenza che la società ha regolarmente comunicato preventivamente la loro presenza alla Polizia locale e ai Carabinieri della loro attività in Chiavenna, si evidenzia però che nessuna norma di legge impone l’obbligo di istallare elementi per il controllo di eventuali fughe di gas e di conseguenza nessuno ha l’obbligo di farlo all’interno della propria abitazione”.

Leggi anche:  La Grande Guerra di Ugo Cerletti venerdì a Chiavenna

LEGGI ANCHE: Valchiavennabike: itinerari per tutti i gusti dal fondovalle al Passo Spluga