Era il lontano 2011 quando il piccolo Francesco scoprì la sua passione per l’Ape Car, e cominciò a collezionare modellini. Da allora, una alla volta, i modellini sono diventati quasi settanta. Nel frattempo Francesco, supportato dalla zia Silvia e aiutato dai genitori, dalla sorellina, dai nonni, i cugini, gli zii e gli amici, ha trasformato la sua collezione in un museo vero e proprio, allestito in uno spazio nello studio dello zio Lorenzo.

Un museo nato per caso

Per un puro caso qualcuno si è accorto di lui, del suo piccolo museo gestito con tanta cura e passione da un (allora) dodicenne: ed è così che Francesco è finito sui giornali, è stato intervistato in radio e, addirittura, invitato alla mitica Piaggio dove è stato accolto con tutti gli onori. Ha anche ricevuto visite importanti: i suoi compagni di scuola, l’apenauta Giorgio Martino e il presidente dell’Ape Club d’Italia. Ora Francesco ha quattordici anni e il suo museo, finalmente, ha una sede pubblica: con l’aiuto Emilio e agli amici di “E’ Valtellina”, il comune di Morbegno ha trovato uno spazio da dedicare alla sua collezione.

Inaugurazione del Museo Ape Car a Morbegno

Il museo ha un’altra particolarità: si auto-finanzia attraverso la vendita di gadget (magliette, spillette, calendari, cartoline, con disegni originali creati da Francesco). Tutti i soldi raccolti vengono investiti per l’acquisto di nuovi modellini.

Leggi anche:  La comunità di Morbegno piange Franco Iacuzzi

L’inaugurazione della nuova sede del “Museo dell’Ape Car di Morbegno” si terrà sabato 24 marzo, a partire dalle 17, presso il chiostro antico di piazza S. Antonio, a Morbegno. Ci saranno Francesco (il direttore) tutto lo staff del museo, i collezionisti di “E’ Valtellina”, il presidente dell’ Ape Club d’Italia e…altri ospiti a sorpresa.

Il programma dell’inaugurazione prevede: visite guidate, estrazione di premi, un piccolo aperitivo in concerto con Davide Taloni, apprezzato musicista valtellinese, e altri musicisti a sorpresa.