L’assessore di Regione Lombardia con delega a Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni Massimo Sertori, ha accompagnato ieri, in Valtellina, il sottosegretario al Ministero dell’Interno, Stefano Candiani nel corso della visita al distaccamento operativo dei Vigili del Fuoco di Tirano e al Comando provinciale di Sondrio. Erano presenti, tra gli altri, il prefetto Paola Spena, il direttore regionale dei Vigili del Fuoco Dante Pellicano, il comandante dei Vigili del Fuoco Marcella Battaglia e il presidente della Provincia di Sondrio.

Modello esemplare

“L’iniziativa – ha spiegato l’assessore Massimo Sertori – ha mostrato un modello esemplare di efficienza e umanità, che il sottosegretario al Ministero dell’Interno vuole prendere come esempio da estendere ad altri territori in tutta Italia”. “L’attenzione del Governo verso il nostro territorio – ha sottolineato Sertori – è stata confermata anche dall’annuncio dell’arrivo in provincia di Sondrio di 18 componenti effettivi e nuovi mezzi a supporto del lavoro dei Vigili del Fuoco. Ringrazio il sottosegretario per la visita in Valtellina e tutti i Vigili del fuoco effettivi e volontari per il lavoro che svolgono con competenza e passione”.

Leggi anche:  "Italia 70. 10 anni di piombo" in onda su La7

LEGGI ANCHE: Settantenne precipita per 80 metri nel bosco e muore

Prontezza ed efficacia

“La straordinaria collaborazione tra Governo, Regione e Provincia – ha precisato l’assessore alla Montagna – ha permesso di mettere a frutto queste due eccellenti strutture, baluardi di sicurezza e garanti di servizi a tutti i livelli. Grazie alla loro posizione strategica sono infatti in grado di garantire ai cittadini prontezza ed efficacia negli interventi in un territorio come la Valtellina che è interamente montuoso e vulnerabile e per questo necessita di strumenti adeguati”.

Modello vincente

“La combinazione tra l’iperattività dei Vigili del fuoco e dei volontari – conclude – è un modello vincente sul territorio e per la Provincia di Sondrio, Ente fondamentale, capace di fare sintesi, e sul quale stiamo lavorando, perché possa essere ancora più efficiente”.