Bruno Tirelli e Castione Andevenno: un legame nato nel 1963, con l’apertura dell’attività d’impresa poi diventata cash and carry Tirmarket, consolidatosi nel 1986, con l’inaugurazione dell’ipermercato Iperal.

Strada commerciale intitolata a Bruno Tirelli

Nel quattordicesimo anniversario della sua morte, sopravvenuta per una grave malattia quando aveva 77 anni, il Comune di Castione Andevenno lo ricorda intitolandogli la strada commerciale di arroccamento che corre parallela alla statale 38, consentendo l’accesso comodo e sicuro a quell’area commerciale che proprio Bruno Tirelli aveva contribuito a lanciare decenni orsono.

A presenziare la cerimonia dello svelamento della targa per l’intitolazione di ‘Viale Bruno Tirelli’ il sindaco Massimiliano Franchetti, Antonio Tirelli, rappresentanti istituzionali e operatori dell’area commerciale.

 

Chi era Bruno Tirelli

Originario di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia, Bruno Tirelli giunse in Valtellina negli anni Cinquanta. Dopo aver lavorato per alcuni anni come agente di commercio, si stabilì a Sondrio dove avviò un’attività di vendita all’ingrosso con il fratello Renzo. Nel 1963 decise di trasferire l’azienda in spazi più ampi e comodi, scegliendo Castione Andevenno, legando il suo futuro e quello della sua famiglia al comune retico. Intraprendente e lungimirante, negli anni Settanta lanciò il primo cash and carry che riforniva dettaglianti, ristoratori e albergatori della provincia di Sondrio. I tempi stavano cambiando, il mercato si evolveva e Bruno Tirelli e i suoi figli Antonio e Ivan, per primi in Valtellina, ne seppero cogliere i segnali. A differenza di altre realtà lombarde, in cui arrivarono i marchi della grande distribuzione italiani ed esteri, fu un’insegna locale, Iperal, ad aprire il primo ipermercato. Il punto di svolta: per la famiglia Tirelli e per Castione Andevenno.

Leggi anche:  Frana Ruinon: strada per Santa Caterina Valfurva chiusa H24

LEGGI ANCHE: Iperal apre un nuovo supermercato

Gruppo Iperal

Quarantatré anni dopo Iperal è diventato il Gruppo Iperal, presieduto dal figlio di Bruno Tirelli, Antonio, presente con 40 punti vendita in sette province della Lombardia. Nel comune alle porte di Sondrio, attorno all’ipermercato si è sviluppata una vivace area commerciale, cresciuta anno dopo anno, che offre servizi all’avanguardia e numerose opportunità in termini di scelta e di convenienza.

Con il completamento della strada di arroccamento e la realizzazione delle due rotonde in corrispondenza delle uscite sulla statale 38, la rete viaria è stata ammodernata per favorire il flusso agevole e sicuro degli automezzi. L’opera è stata finanziata dalla Provincia di Sondrio e da aziende locali, tra cui il Gruppo Iperal. Da oggi, la strada parallela alla statale è ‘Viale Bruno Tirelli’.