A Grosio.

Celebrato l’anno dei coscritti del 2001

E’ avvenuto il rito di passaggio tra i coscritti del 2000 e del 2001 con una serie di azioni codificate come il cambio della bandiera alla mezzanotte di San Silvestro e la benedizione della stessa nella messa di Capodanno. La piazza e la chiesa di San Giuseppe sono stati il teatro degli eventi dove i 29 coscritti del 2001 hanno iniziato la settimana di festeggiamenti, mentre nella frazione di Ravoledo i coetanei sono in sei con un unico maschio, Luca Pini. Sulla bandiera i ragazzi di Grosio hanno disegnato la testa di un cervo avvolta tra le spire di un serpente, immagine che si collega alla scritta sulla felpa che recita: “se ti abitui a metabolizzare il veleno, sopravvivi anche senza antidoto”.

Ravoledo

Sul loro vessillo i coscritti di Ravoledo hanno invece stampato il disegno della loro frazione, arroccata ai piedi del monte Storile, con il sole nascente e l’iscrizione “Quei de Raulè”. Sulla felpa gialla, colore ufficiale della frazione, il motto “Trovarsi è un inizio, restare uniti un progresso, la nostra classe un successo”. Entrambe le coscrizioni hanno scelto anche di realizzare una berretta con ricamato l’anno di nascita. Dopo i riti di inizio anno e la settimana di festeggiamenti al locale i coetanei si troveranno a fine gennaio per la cena finale e l’elezione di miss e mister 2001.

Leggi anche:  Sanità di montagna, la proposta del gruppo di lavoro valtellinese