Il Comune di Colico informa che, al fine di prevenire l’insorgenza e la proliferazione dei nidi bianchi di seta e le larve mature ed urticanti della nota “processionaria” del pino, della quercia e dell’ “Euprottide”, che costituiscono una  minaccia per la produzione o la sopravvivenza di alcune specie arboree ed un rischio per la salute delle persone e degli animali, è stata emesso un apposito provvedimento.

I cittadini devono verificarne la presenza…

Il sindaco ordina a tutti i proprietari, amministratori di condominio o gestori, a qualunque titolo, di aree verdi private sul territorio comunale di effettuare prima del termine della stagione primaverile, le opportune verifiche sui propri alberi, al fine di accertare la presenza dei tipici nidi bianchi della “Processionaria”, solitamente presenti sulle parti apicali ed assolate delle chiome degli alberi maggiormente soggetti all’attacco parassitario del lepidottero quali il Pino nero (Pinus nigra), il Pino silvestre (Pinus sylvestris), il pino strobo (Pinus strobus), senza però trascurare altre aghifoglie, quali – a titolo esemplificativo, il Cedro dell’Himalaia (Cedrus deodara), il cedro dell’Atlante (Cedrus atlantica) e larice (Larix decidua) ed altri congeneri.

… e poi eliminarla

Nel caso in cui, a seguito delle verifiche ed ispezioni , dell’accertata presenza di “nidi” di “Processionaria”, i soggetti sopra individuati dovranno immediatamente provvedere alla rimozione e alla distruzione meccanica a terra dei nidi di processionaria e con l’attivazione della profilassi rivolgendosi a personale idoneamente attrezzato con assoluto divieto di depositare i nidi di processionaria nelle varie frazioni di rifiuti.

Leggi anche:  Tunnel stradale della Mesolcina: riparte la raccolta firme

Le sanzioni

L’inosservanza del provvedimento comporterà l’applicazione di una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro.
Il Comando di Polizia Locale e l’Ufficio Tecnico del Comune di Colico, restano a disposizione per ulteriori ed eventuali chiarimenti.