“Sono convinto che strutturando dei nuovi percorsi basati specialmente sull’internazionalizzazione ci siano delle ottime chances di successo per i giovani. La conoscenza delle lingue, dei mercati, delle diversità, di usi e consuetudini presenti nel globo sono competenze trasversali che devono essere valorizzate. Così pure chi studia deve trovare la massima considerazione da parte di tutti e concreti riconoscimenti dal sistema paese” così Vittorio Quadrio, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Sondrio intervistato dal quotidiano Italia Oggi, ha risposto sul tema del futuro per la professione del commercialista.

Stare al passo con i tempi

Sull’intervista pubblicata martedì 3 dicembre il presidente Quadrio, ha poi spiegato che è necessario imparare ad accettare la rapida evoluzione del mondo delle libere professioni e riuscire a stare al passo coi tempi traendo vantaggio dalla contaminazione: “Alcuni segnali che arrivano sono evidenti e ci portano necessariamente a ripensare il nostro modo di lavorare, questa, però, deve essere vista come una opportunità perché i commercialisti hanno delle competenze che spaziano dalla consulenza societaria, al settore fiscale, al bilancio passando per la finanza ed il comparto bancario, a cui si aggiungono il diritto del lavoro, la previdenza, la revisione legale, la revisione degli enti pubblici, per non parlare di tutto il terzo settore, dello sport e del comparto legato al diritto fallimentare e ancora fino alla compliance aziendale e all’internazionalizzazione. Tutte competenze che possono adattarsi e trasformarsi alle nuove richieste del mercato”.

Leggi anche:  Incidenti in Provincia di Sondrio: la Prefettura ha un piano di azione per diminuirli

LEGGI ANCHE: Sondrio: torna il Concorso di Natale