Un documento di fattibilità per il ripristino della funicolare Santa Margherita -Belvedere a Lanzo d’Intelvi. È quanto prevede una delibera approvata dalla
Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, che include il via libera allo schema di convenzione tra Regione Lombardia e Infrastrutture Lombarde S.p.a. per la redazione dello studio in questione.

Funicolare a Lanzo d’Intelvi, finanziato il progetto di ripristino

Lo stanziamento di Regione Lombardia ammonta a 200mila euro. Il progetto di fattibilità sarà completato e consegnato nel 2020. Questo fa seguito al finanziamento regionale di 60mila euro per la manutenzione e la messa in sicurezza della stazione a valle nel Comune di Valsolda deliberato lo scorso anno.

“Il ripristino della funicolare, inattiva da oltre 40 anni – ha spiegato Terzi – può rappresentare un volàno per lo sviluppo turistico del territorio, nonché un potenziamento delle infrastrutture di trasporto nel più ampio contesto transfrontaliero. Si tratta di un segnale di attenzione importante: le funicolari sono un patrimonio da recuperare e valorizzare”.

Leggi anche:  Ginnastica Propriocettiva in Valtellina

Un servizio interrotto dal 1977

L’infrastruttura è stata inaugurata nel 1907, classificata come ferrovia-funicolare, e dopo 70 anni di storia caratterizzati da alterne vicende, nel 1977, conseguentemente alla grave crisi finanziaria della Società di gestione, il servizio è stato definitivamente interrotto. Al fine di facilitarne il recupero e la rimessa in esercizio, nel 1992 è nato il Comitato Promotore per la riattivazione della Funicolare Santa Margherita-Belvedere di Lanzo.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU