Il giorno 9 gennaio 2019 la troupe di RAI 1 ha visitato i terrazzamenti della Valtellina. E’ accaduto nell’ambito delle riprese della trasmissione “Linea Bianca” all’Aprica e a Tirano. Grazie alla collaborazione di Fondazione Provinea, gli autori del programma hanno avuto occasione di ammirare il grande complesso dei terrazzamenti nella zona di Tirano ed hanno immediatamente deciso di inserire nella trasmissione uno specifico focus su di essi, parlando in particolare di come i nostri terrazzamenti siano pienamente rappresentati nella lista del patrimonio intangibile UNESCO nell’ambito de “L’arte dei muretti in pietra a secco – conoscenza e tecniche”.

LEGGI ANCHE: Linea Bianca di nuovo ad Aprica FOTO

Area viticola terrazzata più estesa d’Italia

Come noto i terrazzamenti valtellinesi costituiscono la più estesa area viticola terrazzata d’Italia e il loro valore agronomico, il loro eccezionale impatto paesaggistico, la loro insostituibile funzione di presidio idrogeologico sono svolti principalmente grazie agli oltre 2.500 km di muretti a secco che sono stati costruiti nel corso dei secoli a comporre questo magnifico “paesaggio culturale”. Le riprese della RAI sono state effettuate nei pressi della chiesa di Santa Perpetua, sopra Tirano, dove i terrazzamenti sono tra i più antichi di quelli documentati in Valtellina, risalendo ad oltre 800 anni fa.

Leggi anche:  Seconda edizione del Firel: pioggia di soldi per la Bassa Valtellina

Eccezionale monumento

La grande esperienza di chi ha realizzato questo eccezionale “monumento” deve essere portata avanti anche oggi con una attenta opera di manutenzione: il conduttore di Linea Bianca Massimiliano Ossini, supportato dall’agronomo Roberto Bruni, si è infatti soffermato soprattutto sulla funzione dei terrazzamenti e sui lavori di manutenzione e di costruzione dei muri a secco che erano in corso nell’area. In Valtellina e nella vicina ValPoschiavo sono in corso infatti da alcuni anni corsi di formazione per “Capire, Realizzare e Mantenere i muri a secco” che consentono appunto di recuperare e tramandare una tecnica (anzi un’arte), quella della costruzione a secco, insostituibile per la formazione del nostro paesaggio ed ancora di più per il riconoscimento della nostra identità.

In onda

Le riprese saranno trasmesse in RAI nel corso della puntata di Linea Bianca del 26 gennaio, che inserirà anche qualche immagine tratta dal documentario “Rupi del Vino” di Ermanno Olmi.

Foto di Juri Baruffaldi