Iniziativa ecologica.

I Passi Alpini dell’Alta Valtellina più puliti

Sabato 20 ottobre si è svolta l’iniziativa “Passi Puliti”, ideata quattro anni fa dal settore Ciclismo dell’Unione Sportiva Bormiese. Alla giornata dedicata alla pulizia del territorio quest’anno ha aderito anche il Parco nazionale dello Stelvio. USB e area protetta hanno voluto così dare una testimonianza dell’attenzione e della responsabilità che “sentono” nei confronti dei percorsi che durante l’estate hanno fatto da scenario a tante manifestazioni ciclistiche. I volontari coinvolti, visto il non nutritissimo numero, si sono concentrati lungo i tornanti della strada del Gavia. Tra di loro Alessandro Meinardi, direttore del Parco Nazionale, e Cristian Pozzi, l’ideatore di “Passi puliti” (oltre che vicepresidente del settore Ciclismo dell’USB).

Gemellaggio

Grazie all’impegno di tutti loro è stato possibile ripulire la strada da quantità non trascurabili di rifiuti. Poca la spazzatura dovuta all’attività sportiva estiva: gran parte di quanto recuperato era frutto di comportamenti poco rispettosi nei confronti di un ambiente che è di tutti. In parallelo, su iniziativa di “Save the Sea” (con sede ad Ardea, in Provincia di Roma), alcune associazioni ambientaliste laziali e toscane si sono dedicate alla pulizia della foce del Rio Torto (non lontano da Roma) e di una spiaggia a Piombino (in provincia di Livorno). Questo “gemellaggio a distanza” all’insegna del rispetto per il patrimonio ambientale è nato dall’incontro tra il direttore del Parco e Luciano Di Fazio di Save the Sea negli studi RAI di UNO MATTINA ESTATE.