Il castello di Lierna farà da cornice ad una cerimonia davvero affascinante e suggestiva, un salto indietro nel tempo, con l’investitura di nuovi membri che entreranno a far parte dell’Ordine Templare dei Poveri Cavalieri di Cristo, unico ordine moderno riconosciuto in tutto il mondo e che porta avanti nei secoli le tradizioni di questo sodalizio religioso.

I Templari sono sul Lago! Salto nel tempo con la cerimonia di investitura

La bellissima chiesetta medievale del castello, dedicata ai Santi Maurizio e Lazzaro, ospiterà venerdì 7 giugno alle 21 una veglia d’armi in memoria di Jacques de Molay, 21° Gran Maestro dell’Ordine Templare arso vivo sull’Ille de France, mentre nella mattinata di sabato 8 giugno ci sarà la cerimonia di investitura, a fil di spada, come da tradizione, dei nuovi cavalieri ordinati dal Gran maestro italiano Alberto Zampolli, residente a Montevecchia.  Una rievocazione, dunque, che potrebbe risvegliare molte fantasie nell’immaginario collettivo ma che, in realtà, ha come obiettivo quello di sottolineare le opere di carità e di beneficenza che ogni cavaliere si impegnerà ad intraprendere nel corso della propria vita.

L’ordine templare

L’ordine affonda le proprie radici in quello cavalleresco dei Templari, nato a Gerusalemme nel Medioevo per difendere i pellegrini che cercavano di raggiungere i siti della Terra Santa, ma oggi parliamo di un ordine moderno, fondato nel 1705, con scopi ben diversi.
Si tratta di un’associazione che promuove campagne di beneficenza e soccorre i più bisognosi, nel segno della fratellanza, formata da gruppi di sostegno alla Protezione Civile nazionale, da un nucleo cinofilo per la ricerca di persone scomparse o sepolte da macerie e da un settore specializzato in psicologia d’emergenza in caso di calamità naturali. L’ordine, con sede a Lugano, in Svizzera, ha anche il compito di conservare materiale storico e promuovere la riqualificazione di antichi edifici religiosi.