Per il terzo anno consecutivo a BIOFACH, la fiera internazionale interamente dedicata al biologico, la Latteria di Chiuro torna da Norimberga con un bilancio promettente in termini di apprezzamenti ricevuti così come di significative occasioni di confronto. Un evento, quello tedesco, che, oltre a confermarsi decisivo per il settore, cresce di anno in anno.

BIOFACH

Basti pensare che per l’edizione 2019 sono stati 51.500 i visitatori e 3.273 gli espositori provenienti da 98 paesi diversi. Dal 13 al 16 febbraio sono stati, dunque, giorni intensi e molto ricchi per la Latteria che ha avuto modo di presentare ad un vasto e interessato pubblico i suoi prodotti biologici: lo yogurt AlpiYò Bio, il Casera Bio, il M’Ama e il Tellino Bio (entrambi formaggi a pasta molle). A conquistare i visitatori le belle e suggestive immagini di territorio, un ulteriore incentivo all’assaggio dei prodotti, molto apprezzati per la bontà e la freschezza della materia prima: il latte di montagna, in questo caso ovviamente biologico. Ricordiamo, infatti, che ad oggi il latte biologico conferito in Latteria è pari a circa il 30%, una percentuale che si punta ad incrementare.

LEGGI ANCHE: Latteria di Chiuro, un’altra certificazione a conferma della qualità

Leggi anche:  Insegue tre cerve con lo scooter, la rabbia di LNDC Animal Protection

Obbiettivo biologico

Il biologico resta infatti un obiettivo strategico per la Latteria. I visitatori giunti allo stand della Latteria non erano di passaggio, ma visitatori interessati e intenzionati a conoscere questa piccola realtà di montagna ancora oggi forte di una ricchezza ambientale e paesaggistica davvero unica.

AlpiYò Bio

Fotografatissimo lo yogurt AlpiYò Bio, considerato all’estero al pari di un raffinato e prelibato dessert (all’estero e in particolare in Germania, lo yogurt si trova per lo più in confezioni grandi, anche da mezzo chilo). “Uscire dai propri confini – commenta Graziano Maxenti dell’ufficio commerciale – è un’esperienza molto stimolante e arricchente. Fa molto piacere essere apprezzati – aggiunge – così come poter capire quali siano i trend internazionali a livello di gusto e sapori. Al ritorno – conclude – cerchiamo, sulla scorta dei confronti avuti in fiera, di dare avvio a qualche sperimentazione che serve per incrementare il nostro know how complessivo. Ora è tempo di tornare al lavoro per un altro appuntamento molto atteso a livello nazionale e internazionale: dal 6 al 9 maggio a Milano ci sarà TUTTOFOOD, fiera internazionale del B2B dedicata al food & beverage”.