A causa di alcune “non conformità” non è ancora possibile stabilire la data nella quale verrà inaugurata la Tangenziale di Morbegno, alcune fonti tra le più informate addirittura rimandano l’apertura a dopo la stagione invernale, nel 2019.

Non conformità

“A causa di alcune aspetti tecnici detti “non conformitá” che sono in fase di definizione e hanno necessità di approfondimenti tecnici da parte di Anas e della ditta appaltante, abbiamo ritenuto di non comunicare una data di fine lavori e conseguente apertura al traffico della strada, e rimandare la scelta in attesa delle valutazioni”. E’ quanto dichiarato dall’Assessore agli Enti Locali Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori.

Stiamo al 96%

Attualmente l’opera ha un avanzamento lavori del 96%. Anas ha confermato che le fasi di collaudo inizieranno fin da subito in modo tale che a lavori ultimati, la strada potrà essere aperta immediatamente alla viabilità.

Nuovo appuntamento tra 15 giorni

“Preso atto della situazione – spiega l’assessore Sertori – , spiace non riuscire ad aprire l’importante strada tanto attesa dal territorio prima di ferragosto e quindi dei grandi afflussi turistici, ma così come avvenuto oggi durante il Collegio di Vigilanza, sarà impegno quotidiano, continuo e costante affinché tutti i problemi siano gestiti celermente per poter consegnare ai cittadini della Provincia di Sondrio la tangenziale. Ci aggiorneremo tra 15 giorni dove saremo in grado di comunicare una data di apertura”. “Da Valtellinese – continua – prendo atto della situazione attuale, garantendo il massimo impegno affinché la strada possa aprire in tempi più rapidi possibili”.

Leggi anche:  Lavori in galleria, nuove limitazioni sulla Statale 36

Tangenziale di Tirano

Inoltre, in sede di Collegio di Vigilanza, si é parlato della Tangenziale di Tirano, che ha già ottenuto l’approvazione da parte del CIPE e sta aspettando la registrazione da parte della Corte dei Conti. Anas ha comunicato che il progetto esecutivo è in corso di esecuzione. “Abbiamo stabilito – chiosa Sertori – di convocare un tavolo in rappresentanza con Coldiretti e i soggetti interessati, per valutare l’indennizzo delle aree necessarie all’opera tenendo conto della tipicità dei prodotti e dei luoghi”.

Svincolo di Piona

Attenzione posta anche sullo Svincolo di Piona, dove Regione Lombardia ha contribuito con una risorse pari a 200 mila euro e Anas parteciperà con un contributo finanziario di circa 6 milioni: si tratta di un intervento importante, propedeutico e strategico per gli eventuali lavori di ammodernamento della Galleria Monte Piazzo.

Frana di Gallivaggio

Non da ultimo “abbiamo portato sul tavolo l’impegno impiegato a risolvere la situazione causata dalla frana del Gallivaggio, in località San Giacomo Filippo (Sondrio), – conclude l’assessore – la cui sinergia tra Anas, Regione Lombardia, Ministeri, Presidenza del Consiglio dei Ministri e Comunità montane, ha permesso la progettazione e l’inizio dei lavori del bypass stradale con tempistiche da record. Siamo confidenti che entro la fine del mese arriveremo all’apertura della strada”.