“Siamo molto felici di iniziare questo percorso con tutti voi, questo è un territorio che, proprio grazie alle sue caratteristiche, offre ottime opportunità per apprendere, anche sul campo, la preziosa e delicata professione del medico di medicina generale” Con queste parole Lorella Cecconami, Direttore Generale dell’ATS della Montagna, ha salutato i 14 iscritti al primo anno di specializzazione del Corso di formazione specifica per Medici di Medicina Generale.

Progetto di crescita

Un progetto in crescita che vedrà nei prossimi anni l’incremento delle classi. Oggi la presentazione e il primo giorno di formazione presso la sede di Sondrio dell’ATS della Montagna. Mercoledì scorso, 28 marzo, a Milano a Palazzo Pirelli presso l’Auditorium Gaber, si è svolta, invece, la cerimonia di presentazione che ha coinvolto tutti i Poli di Formazione a livello regionale. L’ATS della Montagna, quindi, grazie a Regione Lombardia e in collaborazione con Polis-Lombardia, è diventata per la prima volta nella sua storia Polo di Formazione. Il corso triennale – 2019/2021 – si svolgerà grazie alla fattiva collaborazione con le due ASST presenti nell’ATS della Montagna e con i Medici di Medicina Generale del territorio. Presso gli ospedali di Valtellina e Valchiavenna, presso quelli della Valcamonica e presso gli studi dei Medici di Medicina Generale, dunque, i corsisti seguiranno un intenso percorso di studi. All’incontro di stamane erano presenti anche il Direttore Generale dell’ASST Valtellina e Alto Lario, Tommaso Saporito e Maurizio Morlocchi, Direttore Socio Sanitario dell’ASST Valcamonica.

LEGGI ANCHE:Ecco i nomi dei nuovi direttori generali di Ats, Asst e Irccs

Bisogno di nuove leve

“Sarete in prima linea – ha dichiarato il DG Saporito – questo territorio ha bisogno di nuove leve e faremo in modo che qui possiate apprendere il più possibile e magari che qualcuno di voi deciderà di rimanere”. “Vi aspetta un periodo intenso e stimolante – ha aggiunto il DSS Morlocchi – e siamo molto fieri di potervi dare il nostro benvenuto”. “Quello del medico di medicina generale – ha spiegato il DS dell’ATS della Montagna Maria Elena Pirola – è sicuramente un lavoro faticoso e impegnativo ma molto appassionante. Voi rappresenterete il punto di accesso più importante al sistema sanitario per tutti i cittadini – ha concluso – una grande responsabilità di cui andar fieri, una professione che impone un’autentica e duratura passione”. Dopo le presentazioni e i saluti di benvenuto i 14 corsisti del primo anno – diventeranno complessivamente 21 – la giornata è proseguita con gli addetti al settore della formazione che hanno illustrato nel dettaglio programmi, calendari e attività. Il 3 aprile le lezioni entreranno nel vivo sia per quanto riguarda la parte teorica sia quella pratica. “Vi attende una sfida importante – ha concluso il DG dell’ATS Cecconami – quello della presa in carica del paziente cronico. A tale proposito ci aspettiamo da voi, giovani professionisti, anche suggerimenti e contributi validi per poter sviluppare nuovi modelli organizzativi. Non ultimo il compito di valorizzare e diffondere quanto più possibile tutte le azioni di prevenzione nell’ottica di migliorare lo stato di salute dei pazienti cronici e anche delle persone sane”.