Protocollo d’intesa.

Livigno, una Comunità che educa

La recente firma del nuovo protocollo di Comunità Educante Livigno – Trepalle ha messo intorno ad uno stesso tavolo di lavoro diverse figure di riferimento del panorama sociale e educativo della Comunità tra cui l’Istituto comprensivo, l’Ufficio di Piano, la Cooperativa Sociale L’Impronta, il CiAGi “Centroanch’io”, la parrocchia di Livigno, la Polizia locale, lo Sporting Club per giungere fino al Comune di Livigno garante del tavolo. Oltre ai firmatari del protocollo erano presenti anche il comandante della stazione dei Carabinieri di Livigno e alcuni rappresentanti delle varie agenzie che erano presenti all’evento.

La firma

La firma del protocollo è stato certamente un atto “simbolico”, ma importante e molto significativo, per tutti coloro che credono fermamente che la direzione migliore per la Comunità sia quella di mettersi insieme per lavorare al meglio per il benessere dei ragazzi. Concetto quest’ultimo, ripreso più volte dal professor Ivo Lizzola durante l’incontro serale presso il CineLux.

Il commento

Così Michele Ricetti: “Un cammino, quello di Comunità Educante, non certamente facile e privo di difficoltà e di cambi di direzione, ma che vuole essere un primo importante passo per riuscire a camminare nella stessa direzione, sapendo che questo può significare prese di posizione o scelte da condividere e intraprendere insieme. Un cammino, come ricorda ancora Ivo Lizzola, che chiede il coraggio di prendere una direzione per essere tessitori tra le diverse generazioni, e che sappia guardare al futuro e non solo all’oggi. Un impegno che riguarda tutti gli adulti, nessuno escluso, perché ognuno di essi ha la responsabilità di ciò che dice e compie senza nascondersi dietro al non è compito mio”.