L’Unitalsi di Sondrio festeggia 70 anni. Domenica 24 settembre a Tresivio si è tenuta la cerimonia per celebrare la ricorrenza della fondazione.

L’Unitalsi festeggia 70 anni

Domenica scorsa, 24 settembre, lo splendido Santuario della Santa Casa a Tresivio ha accolto circa 400 persone intervenute per festeggiare i 70 anni della Sottosezione di Sondrio dell’Unitalsi. La messa è stata celebrata dal vicario episcopale don Corrado Necchi, coadiuvato dal parroco di Tresivio, don Augusto Bormolini, l’assistente spirituale dell’Unitalsi, don Giovanni Illia, e dal guanelliano don Giampiero Viganò.

Accanto a chi soffre nel cammino della fede

“La nostra missione è di  essere accanto a chi soffre nel cammino della fede”. Queste le parole del presidente dell’Unitalsi di Sondrio, Giorgio Lombella, che è intervenuto con il suo discorso durante la cerimonia. “Questo lungo periodo dalla fondazione ad oggi è stato caratterizzato da un notevole impegno da parte dei soci e non privo di sacrifici – ha evidenziato il presidente – In questi anni sono cambiate molte cose. Negli Anni Ottanta/Novanta le presenze a Lourdes e a Loreto superavano le 1500 unità, in questi ultimi anni raggiungiamo con difficoltà i 400. I motivi sono molteplici e questi numeri hanno portato anche a trovare forme alternative di trasporto. Aereo e bus hanno sostituito il treno. Facciamo fatica a organizzare i pellegrinaggi, ma dobbiamo ricordare che la missione dell’Unitalsi è accompagnare, portare gli ammalati ai Santuari Mariani”.

Leggi anche:  Un giorno per Don Bosco

La fondazione fu ad opera di Francesco Pomoni

L’Unitalsi in provincia nacque nel gennaio 1947 grazie al compianto socio unitalsiano Francesco Pomoni. Ottenne dalla Sezione Lombarda il consenso alla costituzione della Sottosezione di Sondrio staccandosi da Como. L’8 settembre 1961 un treno speciale con 320 pellegrini e malati partì da Sondrio alla volta di Lourdes. Alla partenza del treno Unitalsi  presenziarono autorità, tra cui il prefetto e numerosi cittadini. Il convoglio si unì a Milano a quello proveniente da Como componendo così il pellegrinaggio diocesano con i vescovi Monsignor Bonomini e Ferraroni.

I riconoscimenti per i soci più “anziani”

In occasione dei festeggiamenti sono stati consegnati 36 riconoscimenti ai soci che da più di 45 anni fanno parte dell’associazione. Sono: Giacomo Barolo, Ines Bertini, Anna Bertoletti, Leone Betti, Sergio Bonvini, Luciano Calcagni, Arnaldo Caverio, Santina Codega, Maria Corazza, Diego Corti, Teresina Gianola, Alberto Giudici, Plinio Gusmeroli, Rosa Marchesi, Anastasia Molinari, Ada Paravicini, Graziella Rocca, don Giuseppe Rossotti, Gino Ruffoni, Leonilde Scherini, Melania Tenderini, Pietro Trinca Colonel, Teresa Vanotti, Claudio Barlascini, Giuseppe Codega, Adriano Colli, Mauro Cometti, Giuliano Del Curto, Elda Franceschina, Nanda Gurini, Giuseppe Paravicini, Mauro Paravicini, Roberto Pegorari, Angela Zecca, Mario Zecca, Laura Bova. Due riconoscimenti speciali sono stati consegnati a Nando Pomoli e Ottavia Sottocornola.