Il 9 novembre scorso, a Villach, in Austria, nell’ambito dell’Assemblea annuale dell’Associazione delle Città alpine dell’anno, Morbegno (Sondrio) è stata insignita del titolo di ‘Città alpina dell’anno’per il 2019. Ieri, a Palazzo Pirelli, alla presenza delle autorità regionali e locali, sono state illustrate le attività conseguenti al conferimento del titolo e le iniziative che, a partire dal seminario ‘Next Stop Morbegno’, previsto per i giorni 14 e 15 settembre, si protrarranno fino alla primavera del 2020.

Competitivi e vincenti

L’incontro si è aperto con le congratulazioni del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, che ha sottolineato l'”efficacia delle sinergie di cui i territori della Lombardia sono capaci, che li rendono competitivi e vincenti su ogni fronte” e ha incoraggiato gli amministratori a sfruttare al meglio un’occasione così prestigiosa non solo per Morbegno, ma per la Valtellina e l’intera provincia di Sondrio.

Oltre al presidente Fontana, hanno preso parte all’incontro il sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia Fabrizio Turba, le consigliere regionali Gigliola Spelzini (presidente della Commissione speciale Montagna) e Simona Pedrazzi, il sindaco di Morbegno Andrea Ruggeri, l’assessore provinciale Franco Angelini, il presidente del Consorzio Bim Alan Vaninetti e il coordinatore del progetto ‘Morbegno Città alpina dell’anno’ Oscar del Barba.

Fare sistema

“Mi riempie di orgoglio che una città lombarda abbia ‘strappatò il primato di ‘Città alpina dell’annò a Bressanone – ha commentato il sottosegretario Turba -, perchè significa che anche i nostri territori sanno distinguersi per eccellenze e qualità. Questo accade ancora meglio quando si riesce a fare sistema, anche tra Istituzioni e, in questo caso, è un merito del sindaco, dell’Amministrazione comunale e di tutta la comunità di Morbegno”.

Riconoscimento nonostante differenze di risorse con Bressanone

“A loro – ha proseguito – va riconosciuto anche il merito di aver saputo guadagnarsi questo riconoscimento a dispetto di una disparità di risorse economiche col territorio di una Regione a Statuto Speciale, perchè sappiamo che, quando ci sono risorse economiche disponibili, è tutto meno faticoso ed è la ragione per cui anche la Lombardia, grazie all’azione del presidente Fontana, sta cercando di ottenere maggiore autonomia”. “Questo riconoscimento non è però tanto un punto d’arrivo, quanto di partenza – ha ammonito infine il sottosegretario -, perchè nel 2019 e 2020 occorrerà con concretizzare molte azioni”.

Leggi anche:  Dall'estate di San Martino al gelo siberiano: arriva il freddo dalla Russia PREVISIONI METEO

Principi, progetti e azioni

Numerosi infatti sono i progetti in programma, così come i convegni e le conferenze, ispirati a cinque obiettivi guida: rafforzare la coscienza alpina; coinvolgere la popolazione; consolidare i ponti con la regione e il territorio circostante; configurare in modo sostenibile il futuro della città; sviluppare la collaborazione. In conseguenza del titolo infatti la città farà molti investimenti legati allo sviluppo e alla valorizzazione del turismo, della vivibilità urbana (cablaggio telematico con fibra ottica) e delle nuove fonti energetiche (illuminazione a led).

Morbegno vivace città commerciale

“Dopo Sondrio e Lecco la Lombardia torna a essere protagonista delle Alpi con questo riconoscimento che, per il 2019, arriva a Morbegno, in Provincia di Sondrio – è il commento dell’assessore regionale alla Montagna Massimo Sertori -. Una città da sempre ‘vivace’ sia dal punto di vista commerciale che culturale, come testimonia la presenza di numerosi edifici storici e di botteghe tipiche della tradizione lombarda. Proprio ai ‘negozi storicì di Morbegno, sono stati attribuiti nel corso degli anni premi di riconoscenza al valore e alla storia che rappresentano.

Vetrina prestigiosa

“Il premio ‘Morbegno città Alpina – conclude l’assessore -, è una vetrina prestigiosa per la città e i suoi tesori, ma anche volano per l’economia non solo locale ma di tutto il territorio valtellinese, mettendo al centro uno sviluppo sostenibile finalizzato a incentivare misure per la protezione dello spazio alpino”.