Sono 54 i posti aggiuntivi a contratto inseriti nella rete dei servizi socioassistenziali per l’ATS Montagna, che include le province di Brescia e Sondrio. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Welfare Giulio Gallera. Nel dettaglio la suddivisione dei posti per struttura e per provincia:

Asst Valle camonica

Residenza Sanitaria per Disabili di Pisogne (5 posti), Pisogne; Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ‘Il Melograno’ (14 posti), Malegno.

Asst Valtellina Alto Lario

Centro Diurno Integrato Ruggero Delloca (10 posti), Morbegno; Cdi Di Chiavenna (10 posti), Chiavenna; Il Girasole (10 posti), Chiavenna;
Centro Terapeutico e Riabilitativo Semiresidenziale di Sondrio (5 posti), Sondrio.

Risorse aggiuntive

Risorse aggiuntive sino a 24.280 euro sono state stanziate anche per l’Assistenza Domiciliare Integrata (Adi) e sino a 59.000 euro per Cure
Palliative Domiciliari (Ucpdom). Infine, all’ATS Montagna sono stati assegnati 225.000 euro per il potenziamento delle attività di Neuropsichiatria.

LEGGI ANCHE: Ospedale Menaggio la direzione dell’Asst: “Lavoriamo per risolvere le difficoltà”