Open day nelle Ginecologie di Asst ValtLario, Sondalo e Sondrio, nella mattinata di giovedì prossimo, 8 marzo. Dalle 9 alle 13, i ginecologi che fanno capo allo staff del dottor Ciro Sportelli, direttore dell’Unità organizzativa complessa di Ostetricia e Ginecologia aziendale, saranno a disposizione delle donne interessate ad approfondire il tema dei fibromi uterini, una delle patologie ginecologiche benigne più diffuse nella popolazione femminile italiana.

Open day nelle Ginecologie

Si tratta di un evento promosso da Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna, col patrocinio della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, ed appannaggio degli ospedali che hanno ottenuto, nel dicembre scorso, i Bollini Rosa per essersi distinti nell’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne. Riconoscimento che, nel caso di Asst ValtLario, è andato all’ospedale di Sondrio, con due Bollini Rosa, e di Sondalo, con un Bollino Rosa.

Controlli di routine

“I fibromi uterini – spiega il dottor Sportelli – spesso sono diagnosticati nel corso di controlli di routine e in circa la metà dei casi sono asintomatici. Nella restante metà, però, sono responsabili di manifestazioni anche importanti, come sanguinamenti genitali anomali, dolore pelvico, infertilità, sintomi dipendenti dalle dimensioni e dalla posizione dei fibromi all’interno dell’utero e che incidono negativamente sulla qualità della vita delle donne, con ripercussioni sulla relazione di coppia, sulla capacità riproduttiva e sullla stessa quotidianità”.

Leggi anche:  L’Accademia porta i pizzoccheri a Fontana

Fibromi uterini

Affrontare il problema dei fibromi uterini è possibile ricorrendo a terapie diverse fra cui “quella medica – precisa Sportelli –, da seguire in quelle donne per cui è importante evitare la chirurgia o ridurla al massimo in preparazione ad una gravidanza. Ferma restando la necessità di dover ricorrere, in altri casi, alla terapia chirurgica, che può essere sia conservativa sia demolitiva sull’utero, a seconda dell’età della donna e dei sintomi che manifesta”.

Aiutare le donne a riconoscere i propri sintomi

Il fibroma uterino, pur interessando fino al 40% delle donne in età fertile, per due donne su tre resta sconosciuto e la diagnosi arriva ancora molto tardi. L’obiettivo della Ginecologia di Asst ValtLario e dell’Osservatorio Onda, quindi, anche attraverso queste giornate di informazione alla popolazione, vuol essere proprio quello di aiutare le donne a riconoscere i propri sintomi. In occasione dell’open day verrà anche distribuita una pubblicazione dedicata ai fibromi uterini, una breve guida per informarsi e capire cosa fare.